24 gennaio 2016


Schermata 2016-01-24 alle 17.15.58
Ricevo, per questo mio blog, una nuova segnalazione da Dora Buonfino (ALMENO TU), che mi ritiene degna del TAG BEST MOVIE, ideato da Neogrigio (UNA VITA NON BASTA) Ringrazio, pertanto, entrambi i blogger per questa nomina e pubblico il regolamento al quale mi atterrò, e al quale dovrebbero attenersi coloro che a mia volta nominerò. Non avviserò nessuno di loro direttamente, poiché,  a causa di alcuni “bachi ” momentanei della nuova versione di Word Press, molti avvisi finirebbero in SPAM.

Ecco il regolamento:

– ogni nominato:

utilizzerà l’immagine del TAG;

citerà Neogrigio ringraziandolo a sua volta;

elencherà i cinque film preferiti riportando il titolo, il regista e una breve descrizione, non per forza in ordine di preferenza;

segnalerà dieci amici;

farà pervenire al creatore del TAG le risposte, nel modo a lui più comodo (può scriverle sul suo blog o aggiungerle al TAG o altro)

Per quanto mi riguarda, citerò i miei film preferiti, limitandoli a quelli che ho visto al cinema (non su DVD) lo scorso anno, perché  non mi convince confrontare fra loro, come in una gara di bellezza, film  diversissimi per il tempo della loro uscita, per il genere cui appartengono, per la filosofia cui si ispirano.

Ecco dunque i film che ho amato di più nel 2015:

VIZIO DI FORMA – Per la regia di PAUL THOMAS ANDERSON la bella trasposizione cinematografica del famoso romanzo Inherent Vice di Thomas Pinchon. La vita da detective di Joe Sportello, ex hyppie degli anni ’60, in una Los Angeles in piena trasformazione. L’ho recensito QUI ;

FUOCHI D’ARTIFICIO IN PIENO GIORNO Un noir magnifico dal nord nevoso della Cina, firmato da YNAN DIAO. L’ho recensito QUI

LA ISLA MINIMA di ALBERTO RODRIGUEZ  Le paludi del Guadalquivir, nella difficile transizione democratica della Spagna dopo la morte di Franco, nascondono forse il segreto della scomparsa di molte, troppe giovani donne. Madrid indaga…L’ho recensito QUI

45 ANNI di ANDREW HAIG  Nella vita di una coppia che sta per celebrare i 45 anni di matrimonio, può davvero essere pericolosa la scoperta del passato di lui, prima di conoscere lei? L’ho recensito QUI

IL PONTE DELLE SPIE  Una Spy Story, che ricostruisce, con un occhio al presente,grazie alla grande regia di STEVEN SPIELBERG, uno scambio di spioni avvenuto davvero negli anni della guerra fredda, .L’ho recensito QUI

 

Le mie nomine (per ora saranno cinque; per le prossime mi serve tempo.):

Marco 1946

Briciola nel latte

Il mio kiver

Krausmario

Enrico Garrou

 

Annunci