dove sono i bei momenti…*(Blue Valentine)

Schermata 03-2456353 alle 23.50.57recensione del film:

BLUE VALENTINE

Regia:

Derek Cianfrance

Principali interpreti:

Michelle Williams, Ryan Gosling, Mike Vogel, John Doman, Ben Shenkman.,Reila Aphrodite, Maryann Plunkett, Faith Wladyka, Dan Van Wert, Samii Ryan, Michelle Nagy, Ashley Gurnari, Carey Westbrook, Tamara Torres, Eileen Rosen – 120 min. – USA 2010.

Prima di parlare di questo magnifico film, vorrei esprimere tutto il mio disappunto nei confronti della distribuzione italiana, che ha costretto una parte del pubblico ad avvalersi, come me, della piattaforma di MyMovies Live per riuscire a vederlo: questo lavoro è stato distribuito, infatti, unicamente nel Lazio e in Puglia, mentre nelle altre regioni italiane è, fino a oggi, escluso dalle sale (ed è un film del 2010!!). La visione attraverso il computer limita, tuttavia, per molti aspetti una corretta fruizione del film, se non altro per le ridottissime dimensioni dello schermo. Sarei davvero curiosa di conoscere le ragioni per cui non si possa vedere, se non in casa, un film come questo, nonostante i molti prestigiosi riconoscimenti internazionali.

Cindy (Michelle Williams) è una donna graziosa, affannata a conciliare impegni di lavoro, ruolo materno e vita domestica, come quasi tutte le donne oggi; Dean (Ryan Gosling) è il suo innamorato marito; Frankie è la figlioletta cui egli si dedica con particolare attenzione, assecondandola e coccolandola e, perciò, accaparrandosene l’affetto, in modo speciale. Il matrimonio fra Cindy e Dean, nato da una grande attrazione e da un profondo e caldo affiatamento sensuale, in realtà è stato affrettato dalla gravidanza di Cindy, il che ha significato per lei, brillante e promettente studentessa di medicina, abbandonare gli studi e impiegarsi in un ospedale come infermiera. Dean, ancora molto giovane, senza reali progetti, con un vago desiderio di sfondare nel campo della pittura, o della musica, o come disegnatore di fumetti, in realtà ci appare come un ragazzo gentile, ma anche come un velleitario sognatore, incapace di porsi seriamente il problema di come guadagnarsi la vita.

Non mancandogli la buona volontà, ma avendo poco coltivato le proprie attitudini, si dedica soprattutto a saltuarie occupazioni, un po’ come un bricoleur che sa fare di tutto, e vive perciò in uno stato di perenne precarietà. Ciò gli permette di star vicino alla bambina, ma il peso complessivo del menage è sulle spalle di Cindy, che non può non avvertire la frustrazione e il disagio di vivere in questa condizione. L’atmosfera della vita domestica è sempre più tesa cosicché la crisi del matrimonio, mai apertamente affrontata per non turbare la piccola Frankie, è destinata a deflagrare. A grandi linee, dunque, il film racconta la fine di un grande amore perché i sogni e la passione che lo avevano alimentato qualche anno prima non hanno retto di fronte alla realtà imprevista della vita quotidiana, ai pesanti sacrifici delle proprie aspirazioni, alle esigenze dell’educazione della bambina. Allo scontento di lei, sempre più irritabile e dura, fa riscontro la dolcezza quasi indifesa di lui, generoso, ma immaturo, che ora troppo spesso nell’alcool trova il modo per annullare il dolore, irritando ulteriormente la donna, in un crescendo di tensioni e di incomprensioni, alle quali infine egli cerca rimedio, non tanto affrontando con lei direttamente il problema, quanto illudendosi di riuscire a ricreare la magia del passato, nella condizione di irrealtà offerta per breve tempo da una stanza di motel che, pur chiamandosi Future, non apre orizzonti più sereni per il tempo che verrà. Lontani dalla bimba, affidata al nonno, dal lavoro di lei, per il tempo di un week-end, dalle preoccupazioni quotidiane, i due non ce la fanno a ritrovare quella smemoratezza e quell’abbandono che un tempo li aveva legati, perché è ormai troppo ingombrante, sulla loro strada, il cumulo dei rancori, del non detto, delle rinunce: sembra che le parole fra loro vengano pronunciate soprattutto per ferire; che una sorta di cattiveria puntuta animi il comportamento di lei, trasformando le speranze e le attese, in realtà di entrambi, in un gioco al massacro da cui la coppia uscirà distrutta. Quello che colpisce del film è che la vicenda dei due protagonisti, che sembra simile a quella di migliaia di altre coppie nel mondo occidentale, riesca a coinvolgere la partecipe attenzione degli spettatori, il che è dovuto sia all’ analisi attenta e profonda delle dinamiche della vita di coppia, sia al modo nuovo e originale attraverso il quale la storia viene narrata. Incrociando, infatti, le splendide memorie appassionate, con l’angusta verità del presente il regista non solo alterna i piani temporali in un fittissimo e ininterrotto riemergere dei ricordi di un amore passato così intenso che non vuole morire, ma ottiene il quadro di una coppia a pezzi, grazie all’uso alterno della ripresa digitale, e di quella su pellicola da 16 millimetri, colla quale soltanto vengono girati i flashback, cosicché l’impressione complessiva è quella di un frammentato e quanto mai funzionale collage. 

* Il mio titolo di lancio: Dove sono i bei momenti è una citazione da Wolfgang Amadeus Mozart, dalle nozze di Figaro, che vi faccio ascoltare attraverso la voce di Elizabeth Schwarzkopf:

Annunci

le preziose ridicole (The Help)

recensione del film:
THE HELP

Regia:
Tate Taylor

Principali interpreti:
Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas Howard, Octavia Spencer, Jessica Chastain,Ahna O’Reilly, Allison Janney, Anna Camp, Chris Lowell, Cicely Tyson, Mike Vogel, Sissy Spacek, Brian Kerwin, Leslie Jordan, David Oyelowo, Wes Chatham, Roslyn Ruff, Shane McRae, Ritchie Montgomery, Tarra Riggs, Tiffany Brouwer, La Chanze, Carol Sutton, Aunjanue Ellis, Dana Ivey
– 137 min. – USA 2012.

Ambientato a Jackson (Mississipi) nel corso degli anni ’60, quando, soprattutto negli stati del Sud la discriminazione razziale persisteva tenacemente, questo film ricostruisce la vita delle donne (gli uomini contano proprio poco in questo caso) bianche e nere della città: le prime, in genere, non lavorano, ma passano le giornate fra partite al bridge e organizzazione di party di beneficenza, magari per i bambini africani. Il loro aspetto è quello delle signore molto per bene all’epoca: vita di vespa, gonne scampanate e sgargianti, capelli cotonati e laccati: la femminilità, insomma, stereotipata, subordinata all’esigenza della seduzione, fondamentale per donne che neppure immaginano di poter lavorare per guadagnarsi da vivere. Le nere, invece, lavorano per loro: sono le tate dei loro figli, con i quali, in genere, stabiliscono un rapporto di vero affetto, ma che si occupano anche della casa e del cibo. Le mansioni sono tutte impegnative e delicate, ciò che dovrebbe testimoniare un fondamento di fiducia nei loro confronti. Purtroppo non è così: gli orari massacranti, le pretese spesso assurde, il pregiudizio nei confronti della diversità della loro pelle, le discriminazioni conseguenti e umilianti ci dicono che la strada per i diritti civili è ancora lunga e in salita: per questi diritti Jon Kennedy e Martin Luther King stanno lottando e di lì a poco, verranno uccisi. Eppure, anche nella città di Jackson, qualcosa sta per cambiare: la giovane Eugenia Skeeter, di ritorno dal College, si è fatta un’idea diversa della vita delle donne: vuole lavorare, magari tentando la strada della scrittura, attività che adora.
E’ inoltre inorridita dai modi di fare, di atteggiarsi di vestire, nonché dai discorsi che sente fra le donne bianche, a cominciare da sua madre, probabilmente più intelligente di altre, ma ormai pigramente adagiata nel conformismo pettegolo, parolaio e anche feroce delle preziose ridicole della città. Grazie a lei, (e anche al maturare di un clima nuovo sotto la presidenza Kennedy, mi permetterei di aggiungere), uscirà uno scandaloso libro in cui le narrazioni autobiografiche delle donne nere, col loro fardello di dolori e umiliazioni, ma anche di storie più o meno divertenti, saranno raccolte, così da costituire una importante documentazione, utilizzabile nella lotta per i diritti civili. Il film è quindi una specie di “come eravamo” per gli spettatori americani: rinfrescare la memoria in un tempo in cui la rimozione del passato è la norma, può essere utile. Può anche essere utile fuori dagli Stati Uniti, per esempio da noi, non per dirci come eravamo, ma come stiamo diventando: ridicoli e crudeli nella pacchiana ostentazione della nostra ricchezza, di fronte agli stranieri che lavorano duramente per noi, senza diritti civili, a partire da quello di cittadinanza. Dopo aver detto questo aggiungo, però, che il film ha due fondamentali difetti: segue anche troppo minutamente le tracce del romanzo da cui è tratto: “The Help” di Kathryn Stockett, best seller da tempo sul mercato librario newyorkese; sembra, inoltre, scritto con un occhio a qualche Oscar, col suo buonismo un po’ dolciastro e politically correct, nella descrizione, oggi innocua, delle dure ingiustizie subite dalle donne nere, cittadine americane discriminate. Eccellenti le interpretazioni delle attrici nere, soprattutto di Octavia Spencer, nel ruolo di Minny.