La donna dello scrittore

recensione del film:
LA DONNA DELLO SCRITTORE

Titolo originale:
Transit

Regia:
Christian Petzold

Principali interpreti:
Franz Rogowski, Paula Beer, Godehard Giese, Lilien Batman, Maryam Zaree, Barbara Auer, Matthias Brandt, Sebastian Hülk, Emilie De Preissac, Antoine Oppenheim, Louison Tresallet, Alex Brendemühl, Agnès Regollo, Grégoire Monsaingeon – 101 min. – Francia 2018.

L’antefatto:
1940 – Marsiglia, come Casablanca, è luogo di transito dei rifugiati politici, che, fuggendo da Parigi, alla vigilia dell’occupazione tedesca, lì trovavano il porto dal quale raggiungere, al di là dell’Atlantico, i paesi più sicuri del nord e del centro America: impresa rischiosissima e faticosa; lotta contro il tempo, prima che il governo-fantoccio di Vichy, agli ordini dei nazisti, estendesse fino a Marsiglia la gelida spietatezza dei rastrellamenti contro gli ebrei e gli oppositori politici da spedire ad Auschwitz, come tutti sappiamo.

Un film straniante
A Marsiglia, Maria (Paula Beer) è in attesa dell’arrivo del marito, lo scrittore Weidel, per imbarcarsi con lui alla volta di Città del Messico: solo a lui l’ambasciata avrebbe rilasciato il visto necessario alla loro partenza. Il plico dei suoi documenti di accredito era nelle mani di Georg (Franz Rogowski), come lui rifugiato tedesco a Parigi, comunista in cerca di salvezza su un treno per Marsiglia, dove avrebbero dovuto incontrarsi, secondo i piani della rete clandestina del loro partito.
Per caso, durante il viaggio, Georg aveva appreso del suicidio di Weidel, imprevista circostanza che scombinava quei piani: non sapendo che fare, ora, delle carte in suo possesso, aveva deciso di distruggerle e di sostituirsi a lui assumendone l’identità; ricordare l’indirizzo di Maria era in fondo tutto ciò di cui aveva bisogno per ottenere per sé e per lei, dall’ambasciata messicana, il visto per il viaggio in nave: la salvezza.
In un’atmosfera di attesa estenuante, costretto a non essere se stesso, Georg si era immerso dunque nei vicoli della città, nei suoi bar e nell’universo dei rifugiati provvisoriamente a Marsiglia, vivendo i loro stessi drammi nelle code ai consolati o nella precarietà delle sistemazioni più squallide, negli alberghi e nelle case di passaggio: altre vite come la sua, sospese fra un presente di terrore disperante e un futuro forse meno angoscioso, ma, in ogni caso, incerto e sfuggente perché amore, solidarietà, amicizia, legami familiari sembravano scomparsi o calpestati da una generalizzata volontà di dominio e di sopraffazione.
Il film assume, fin dall’inizio, un carattere di spiazzante contemporaneità, ovvero di un racconto nel quale si confondono passato e presente, poiché ciò che era avvenuto nel 1940 è sovrapposto,  sullo schermo, da ciò che sta avvenendo oggi: gli strumenti della discriminazione e dell’oppressione sono gli stessi e (allora, come ora), indossando abiti del nostro tempo, aguzzini reiterano i riti orribili dell’esclusione e della discriminazione contro milioni di rifugiati che, in preda all’angoscia sono lasciati soli, senza identità, disperando di essere riconosciuti nella loro dignità umana, al di là dell’appartenenza religiosa, politica o etnica.
Durante il racconto si susseguono brevi e intense storie d’amore; episodi di amicizia; tragedie; sorprese drammatiche e inaspettate svolte, di cui sarebbe imperdonabile parlare in anticipo: meglio, secondo me, se gli spettatori si lascerannno coinvolgere dall’atmosfera misteriosa di sospetto e di intrigo che il regista costruisce molto bene, poiché nella strana realtà marsigliese in cui porto e periferie sono connotati dalla tecnologia e dalla modernità, nulla e nessuno è ciò che appare, né la voce fuori campo è sempre la stessa: indizi di una realtà oscura e indecifrabile, senza via d’uscita…
Ispirato liberamente al romanzo Transit (1944) della scrittricee intellettuale tedesca Anna Seghersil film è, a mio giudizio, pur con qualche difetto, in particolare nella parte centrale, che forse si gioverebbe di qualche taglio mirato, uno dei migliori sullo schermo, in questi giorni, ed è fra i più interessanti firmati dal regista Christian Petzold, già apprezzato nei precedenti La scelta di Barbara e Il segreto del suo volto. Ha però molto diviso la critica e soprattutto gli spettatori, non sempre convinti dalle soluzioni narrative del regista e talvolta incerti nel dipanare l’intricata vicenda. 

 

Annunci

Victoria

recensione del film:
VICTORIA

Regia:
Sebastian Schipper

operatore:
Sturla Brandth Grǿvlen

Principali interpreti:
Laia Costa, Frederick Lau, Franz Rogowski, Burak Yigit, Max Mauff – 140 min. – Germania 2015.

Sturla Brandth Grǿvlen è il nome dell’operatore citato con grande evidenza, prima di ogni altro, nei titoli di coda di questo film: a lui, principalmente, va infatti il merito della sua singolare realizzazione. A fronte della sceneggiatura ridotta all’osso del regista Sebastian Schipper (una decina di pagine o poco più), egli ha girato il film per circa 140 minuti con un lunghissimo piano-sequenza che non solo segue la notte di alcuni ragazzi che per caso si erano incontrati all’uscita di un locale notturno berlinese, ma ci permette di dare un’occhiata anche agli aspetti più significativi del passato della protagonista, Victoria, la giovane di Madrid che si era allontanata dalla sua città, abbandonando il sogno, che aveva perseguito con tenacia e faticoso impegno, di affermarsi come pianista. A Berlino Victoria aveva trovato un lavoro e un alloggio, e ora aveva deciso di concedersi una notte un po’ speciale, in una discoteca: un piccolo sballo e una dormita prima di tornare alla sua quotidiana occupazione di cameriera in un bar. Non conosceva il tedesco, ma il suo ottimo inglese le permetteva di farsi ben comprendere, persino da quel gruppo di quattro amici con i quali, uscita dalla discoteca, aveva avviato una conversazione. A dire il vero, dei quattro solo Sonne riusciva a parlare in inglese e a capire le parole di lei: non a caso di tutti loro sembrava anche il più presentabile, il più gentile, il più attento e protettivo nei suoi confronti. Che i due si piacessero, e molto, si era compreso subito: dopo un lungo girovagare per le vie della città e dopo la sosta su una terrazza panoramica per godersi l’incanto di Berlino di notte, essi si sarebbero finalmente trovati da soli, in quel bar che lei avrebbe di lì a poco aperto al pubblico.
Gli accadimenti successivi spiazzeranno completamente le attese dello spettatore che immagina l’inizio della loro storia d’amore: una telefonata inattesa, infatti, avrebbe interrotto, insieme alle confidenze dolorose di lei di fronte al pianoforte del bar, anche l’amore nascente, per dare il via a una rischiosissima avventura che, coinvolgendoli entrambi, avrebbe cacciato nei guai anche lei, lontanissima dall’immaginare che una storiaccia di ricatti, di soldi, di sangue avrebbe cambiato per sempre la sua vita nel tempo brevissimo della fine di una notte .
Il film ce lo racconta, in un crescendo di tensione, seguendo in tempo reale, insieme agli spostamenti della giovane, il repentino mutare delle sue speranze e delle sue illusioni, annullate di colpo da una tragica e amarissima realtà.
L’attrice bravissima che interpreta Victoria è Laia Costa, la cui mutevole e intensissima espressività appare decisiva per la credibilità dell’intera vicenda, affiancata da un valido partner come Frederick Lau nel ruolo di Sonne.

Un piccolo film, straordinario non solo per la tecnica narrativa adottata, ma per il carattere quasi di scommessa che ha assunto la sua realizzazione (qualsiasi imprevisto incidente avrebbe potuto vanificarla), nonché per l’insperata successiva accettazione al Festival di Berlino, sorprendente anche per il regista e l’operatore. Finalmente arrivato anche da noi, merita di sicuro di essere visto e apprezzato.