Loveless

recensione del film:
LOVELESS

Regia:
Andrey Zvyagintsev

Principali interpreti:
Maryana Spivak, Aleksey Rozin, Matvey Novikov, Marina Vasilyeva, Andris Keiss, Aleksey Fateev, Varvara Shmykova, Daria Pisareva, Yanina Hope, Maxim Stoianov – 128 min. – Russia 2017

 

Ancora una volta l’interesse di Andrey Zvyagintsev, il regista di questo film, è per la sua terra, la Russia non più comunista che dopo aver accettato i principi liberistici è cambiata rapidamente inserendosi nel processo di globalizzazione del mercato. I vecchi valori della solidarietà sembrano completamente soppiantati dalla ricerca tutta individuale del successo; le vecchie e brutte case popolari, che prevedevano spazi collettivi, sono state abbandonate e si presentano ora come fangosi ammassi di rovine, dalle suggestioni tarkowskiane, che i bambini, all’uscita dalle scuole, utilizzano per i loro giochi segreti.
La Mosca di oggi, infatti, è una moderna capitale, circondata dall’inverno perenne di un ambiente naturale, a sua volta, un po’ tarkovskijano (e anche un po’… bruegeliano, benché  le riflessioni sull’esistenza del film di Andrey Zvyagintsev siano diverse, nei toni, da quelle sarcastiche del film di Roy Andersson*) . Nello skyline, modificato dalle costruzioni di vetro della elegante e lineare architettura contemporanea, il regista avverte un mutamento che non è solo quello delle case, ma è quello dell’anima di chi ci abita, dopo che l’interesse per i soldi, per il lusso e per l’affermazione di sé ha soppiantato le relazioni di amicizia, e persino i legami d’amore che parrebbero più naturali e profondi: quelli fra i figli e i loro genitori. Si è dissolta, infatti, insieme alla coesione sociale, anche quel minimo di coesione familiare che era rassicurante per i bambini, che si sentivano amati, ascoltati e protetti.

La vicenda del film è una storia di divorzio: Zhenya e Boris, rispettivi madre e padre del piccolo Alyosha, decidono di mettere in vendita l’alloggio, non ancora completamente pagato, e di lasciarsi. Ognuno se ne andrà per la propria strada: lei col ricchissimo amante, in un alloggio grande e arredato con sobria raffinatezza; lui dalla donna che ama e che ora è incinta. La storia del loro dividersi, però, non è la normale e civile vicenda di chi prende atto della fine di un legame matrimoniale e decide di chiuderlo; é invece una storia di odio e di rancore, in cui nulla può essere detto senza che un’aggressività rabbiosa si impadronisca di lei, incapace ormai di discutere con pacatezza. Nessuno parla della sorte del loro figlioletto, apparentemente ignaro di tutto, in realtà trascurato da entrambi, troppo presi dal loro futuro immediato, orizzonte da cui escludono qualsiasi ricordo della loro passata esistenza. Accade, perciò, che Alyosha, che ha sentito le liti furiose e ha compreso di essere parte di quel passato che entrambi vorrebbero ignorare, decida di andarsene facendo perdere le proprie tracce. Boris e Zhenya ne saranno informati, dopo un giorno e mezzo, dalla scuola che per prassi si prende cura di avvisare le famiglie dell’assenza degli scolari alle lezioni. Le ricerche, condotte da una neghittosa polizia e da alcuni volontari organizzati quasi militarmente, non approderanno ad alcun risultato, ma saranno ancora una volta l’occasione di scontri e rinfacci sanguinosi  fra quella madre e quel padre.

Il regista di Leviathan firma questa volta un film il cui contenuto sembra focalizzarsi soprattutto sull’assenza di etica nei rapporti familiari nella Russia post-sovietica, ma in realtà ci offre molto di più: è il quadro desolante di un presente privo di qualsiasi valore morale: in famiglia, nei posti di lavoro e nella vita sociale i vecchi riferimenti etici non contano più, né l’alternativa identitaria, offerta dagli insegnamenti di una Chiesa ortodossa sempre più conservatrice e oppressiva, sembra essere accettabile e praticabile nel mondo di oggi se non al prezzo, tutto politico, della convenienza individuale più opportunistica e ipocrita.
Film da vedere sicuramente, poiché pone domande che riguardano anche tutti noi, che viviamo in questo occidente in cui i grandi valori della democrazia e della solidarietà sociale si stanno oscurando e ognuno, sempre più solo, pare accontentarsi dell’illusoria felicità di un presente  senza prospettive ideali.

…Noi aprivamo
di Marx
ogni volume,
come in casa
propria
apriamo le persiane,
ma anche senza lettura
noi sapevamo
da che parte andare,
contro chi lottare…
da “A tutta voce”  di Vladimir Majakovskij
(Traduzione di Paolo Statuti)

—————————————–

*Un piccione, seduto su un ramo, riflette sull’esistenza

Annunci

Leviathan

Schermata 2015-05-14 alle 12.20.27recensione del film
LEVIATHAN

Regia:
Andrei Zvyagintsev

Principali interpreti:
Aleksey Serebryakov, Elena Lyadova, Vladimir Vdovichenkov, Roman Madyanov, Anna Ukolova – 140 min. – Russia 2014

Il film narra la vicenda disperata di Kolya, un meccanico che si è costruito in una piccola città sul mar di Barents un’officina da autoriparatore e una casa dove abitare con la seconda moglie, Lilya e il figlioletto quasi adolescente che poco sopporta la matrigna. La vita del protagonista (Aleksey Serebryakov) è sottoposta a molteplici tensioni, sia per le difficoltà della vita familiare, sia perché il sindaco (Roman Madyanov) della cittadina ha messo gli occhi sulle sue proprietà e vorrebbe impadronirsene, espropriandolo per destinare alla speculazione l’intera area, offrendogli una ricompensa simbolica. A sostenere le ragioni di Kolya è un giovane avvocato moscovita, brillante e preparato, convinto che sarà possibile spuntarla contro l’autorità locale, grazie al ponderoso dossier di documenti inoppugnabili in suo possesso, dai quali emerge la corruzione profonda dell’intera amministrazione, di cui il sindaco è il maggiore responsabile.
A lui infatti fa capo un’ organizzazione di potere mafioso, che non esita a ricorrere alle minacce brutali e anche all’omicidio per realizzare i suoi piani, contando sull’appoggio esplicito della chiesa ortodossa locale, vera e propria macchina del consenso presso i ceti medi del luogo. Esibendogli il suo dossier l’avvocato suppone di far desistere il sindaco dal suo proposito: non sarà così, com’è ovviamente intuibile: l’orrido mostro biblico, il Leviatano, evocato dal titolo, incarnazione del potere totalitario fatto di arbitrio, violenza e soprusi, inghiottirà  il povero Kolya, annientandone ogni resistenza.

Il film, che è girato con grande maestria dal regista russo Andrei Zvyagintsev, poco conosciuto in Italia, è una potente rappresentazione delle condizioni disperate della Russia di oggi, in cui si sono sciaguratamente alleati, secondo una secolare tradizione, che sembrava essersi interrotta dopo la rivoluzione sovietica, il potere religioso e quello politico, per schiacciare la popolazione, condannandola senza scampo alla subalternità. La figura di Kolya, che secondo l’intenzione del regista dovrebbe incarnare il mite Giobbe della Bibbia, che subisce il volere di Dio senza reagire, fiducioso in una qualche ricompensa futura, è sgradevole e non suscita una vera empatia, poiché è difficile l’identificazione con la sua irascibile impulsività, l’ubriachezza quasi costante, la scarsa attenzione alla moglie, la violenza nei confronti del figlio. Il quadro complessivo che emerge dal film è davvero cupo, ben simboleggiato dal paesaggio marino, bellissimo e affascinante, ma violentemente claustrofobico e minaccioso, dalle rovine dei vecchi monasteri affrescati, dallo sperdimento dei giovani che precocemente abbandonano la scuola e consumano la loro giovinezza fra alcol, tabacco e furti. Bel film, certamente, ma difficile da amare.

l’anima per una notte d’amore (Faust)

recensione del film
FAUST

Regia:
Aleksandr Sokurov

Principali interpreti:
Johannes Zeiler, Anton Adasinsky, Isolda Dychauk, Georg Friedrich, Hanna Schygulla, Antje Lewald, Florian Brückner, Maxim Mehmet, Katrin Filzen, David Jonsson, Joel Kirby, Eva-Maria Kurz, Antoine Monot Jr., Ondrej Novák, Stefan Weber – 134 min. – Russia 2010

Il Leone d’oro di quest’anno, al Festival d’arte cinematografica di Venezia è andato a Faust, film che costituisce l’ultima parte di una tetralogia sul potere, del regista russo Aleksandr Sokurov. Attingendo alla ricca tradizione letteraria che rappresenta lo scienziato spinto a un patto col demonio per amore della conoscenza assoluta, il regista ci racconta dello scienziato Faust che, disperando della possibilità di una conoscenza in grado di trascendere la realtà materiale fatta di fame, sporcizia, fetori e sterco, nella quale tutta l’umanità è immersa senza scampo, stringe col diavolo un patto di sangue in cambio di una notte d’amore con la bella Margherita, unica creatura del film che evochi la luce abbagliante e accecante, unica conoscenza possibile di ciò che permette agli uomini di uscire da se stessi.
Il film esordisce con la rappresentazione di Faust, medico tedesco, che in una lurida stanza male illuminata procede all’autopsia del corpo di un uomo, immergendo le proprie mani nude nel ventre squarciato, da cui estrae i visceri con l’ansia frustrata di chi vorrebbe trovare altro dalle budella e dalle sacche escrementizie: l’anima. Purtroppo, alla repellente realtà della fetida materia di cui si compone il corpo sezionato, corrisponde l’altrettanto repellente realtà del vivere quotidiano, in un settecentesco villaggio tedesco, popolato da gente ignorante e superstiziosa, quando non da truffatori, ladruncoli e violenti ubriaconi. Non esiste difesa alcuna capace di porre riparo al degrado al quale l’umanità sembra destinata a soccombere, poiché il male è sempre in grado di prevalere sul bene, la violenza sulla bontà, il calcolo utilitaristico sulla solidarietà. Non resta che firmare col sangue un patto di compromesso con il male stesso, nel film rappresentato da un decrepito diavolo, cinico e avido di denaro, senza sesso, ma con un ridicolo codino fra le natiche e con due ali tarpate e perciò ormai incapaci di permettere al corpo di sollevarsi in volo. La notte d’amore, dunque, unica e sola opererà il provvisorio miracolo di fermare il tempo prima che i suoi effetti devastanti trasformino il bel ventre dorato e nudo della giovinetta in quel repellente e maleodorante ammasso di visceri infetti che l’inizio del film aveva rappresentato. Il risveglio, tuttavia, indicherà a Faust che nessuna salvezza é possibile: calarsi agli inferi per un momento di estasi non permetterà di riemergere a riveder le stelle: senza la corazza protettiva di Mefistofele, egli affronterà impotente l’ira di Dio, metaforicamente rappresentata in una serie di immagini di grande suggestione e potenza espressiva.
Tutto il film ci mostra, comunque, una ininterrotta galleria di immagini potentissime, caratterizzate dal livido colore verdastro, colore della morte e del degrado, che lasciano nella mente un incancellabile ricordo, nonché il rovello di ripensare e riflettere sulle cose viste, il che ci dice molto sulla forza della regia: Sokurov, infatti, sa raccontare col suo linguaggio originale il senso dell’avventura faustiana, inducendo lo spettatore a seguire con interesse una vicenda non solo già nota, ma anche apparentemente lontana dal mondo di oggi. La cultura figurativa del regista si manifesta nei richiami continui all’arte nordica, da Hyeronimus Bosch a Rembrandt, reinterpretati in modo molto personale, mentre, mi è parso di scorgere nella rappresentazione del villaggio e della sua umanità plebea e fondamentalmente “bruta” un richiamo, sia pure con significato diametralmente opposto, al Pasolini dei Racconti di Canterbury o del Decameron.
Detto questo, ritengo sia difficile amare questo film, in cui la visione stercoraria e terrificante dell’uomo non lascia spazio ad alcun progetto positivo per cambiare, quando possibile, il corso degli eventi. Sebbene senza illudermi troppo, e sebbene cosciente della difficoltà, io ancora credo che i nostri destini, almeno per quanto dipende da noi, siano nelle nostre mani (in altre parole: credo nell’ottimismo della volontà, contro il pessimismo dell’intelligenza!).

Aggiungo a questa recensione, che (probabilmente per deformazione professionale o per la tabe letteraria inguaribile dalla quale da sempre sono affetta) quando veniva pronunciata la frase “solo una notte” mi veniva spontaneo il ricordo della famosa sestina petrarchesca: A qualunque animale alberga in terra (Canzoniere XXII), laddove, ai versi 31 – 33, Petrarca scrive:

“Con lei foss’io da che si parte il sole,
e non ci vedess’altri che le stelle,
sol una notte, e mai non fosse l’alba,
….

Questi versi avevano, credo, una funzione difensiva poiché stemperavano in malinconica contemplazione il tracimare pessimistico e cupo del film che stavo vedendo. Chiedo scusa a chi mi legge per avere affidato a queste righe la mia piccola confessione che è (forse, ma non ne sono sicura) fuori tema!