La ragazza senza nome

schermata-2016-10-31-alle-13-54-02recensione del film:
LA RAGAZZA SENZA NOME

Titolo originale:
La fille inconnue

Regia:
Luc e Jean-Pierre Dardenne

Principali interpreti:
Adele Haenel, Jérémie Renier, Olivier Gourmet, Fabrizio Rongione, Thomas Doret, Christelle Cornil – 113 min. – Belgio 2016.

Nello studio medico della dottoressa Jenny Davin (Adele Haenel), alla periferia di Liegi, un giovane stagista fa del suo meglio per imparare il mestiere non facile di curare i malati. Jenny mal ne sopporta l’eccessiva emotività, poiché è convinta che il medico dovrebbe imparare a non farsi coinvolgere dalla sofferenza dei pazienti, dal momento che solo un giusto distacco mantiene lucidi e attenti alle loro necessità. Jenny è severa e rigida con lui, ma lo è anche con se stessa: è questo il suo modo di essere, che va ben oltre la vita professionale. Per chi vede il film, infatti, questo è l’unico elemento che ne connota la personalità  dall’inizio alla fine: la giovane dottoressa si sposta dentro e fuori Liegi; avvicina uomini e donne degli ambienti più diversi; si incontra e spesso si scontra con personaggi ambigui, omertosi, minacciosi, senza mai abbandonare l’ imperativo categorico della coerenza con i propri princìpi che le dettano il comportamento. Di lei non si sa niente all’infuori di ciò che accade sotto i nostri occhi, durante tutto lo sviluppo del racconto: i due registi non parlano del suo vissuto familiare, né di quello sentimentale; non esiste un prima o un dopo rispetto alla narrazione che scorre sullo schermo; esiste lei, creatura cinematografica inseparabile dalla sua coscienza morale, che è rappresentata con insistenti primi piani del suo volto e dei suoi occhi, che indagano, interrogano, scrutano, cercano di leggere e interpretare altri sguardi per ricostruire i piccoli frammenti di verità che possano finalmente darle pace. Il suo tormento nasce dal senso di colpa, per non aver aperto (mentre ancora era lì), un’ora dopo il termine dell’orario di visita, il proprio studio a una donna che la polizia avrebbe trovato morta, forse di morte violenta, il giorno successivo. Non era una sua paziente; era una prostituta nera di difficile identificazione, che forse aveva cercato di fari aprire sentendosi inseguita. Forse, sarebbe bastato farla entrare per salvarle la vita.
Al rimorso per essersi negata a lei, Jenny unisce una profonda volontà di espiazione: si sarebbe assunta il compito di cercarne l’identità per offrirle almeno una targhetta al cimitero, perché potesse vivere nella memoria di qualcuno.

Come fossero andate le cose, si saprà solo alla fine del film, che assume a poco a poco le connotazioni di un noir molto teso, perché il mistero intorno a quella morte diventa presto una detection che Jenny conduce, anche a proprio rischio, negli ambienti più squallidi e sordidi delle periferie delle città belghe, in un mondo popolato da ambigui figuri che hanno interesse a tacere, che fingono di non sapere o che mentono per non compromettere la loro rispettabilità, in famiglia o nell’ambiente di lavoro. La voglia di chiarezza di Jenny, così come la sua fermissima determinazione di andare fino in fondo all’indagine che ha intrapreso, lasciano emergere perciò squarci di marginalità periferiche, di squallore e di povertà nei quali è ben riconoscibile la griffe dei fratelli Dardenne, come sempre molto attenti a non isolare i loro personaggi dal contesto sociale in cui si muovono. La pellicola, forse, si è giovata del taglio di sette minuti che i due registi le hanno apportato, riconoscendo implicitamente la validità di alcune osservazioni critiche che erano state mosse nei loro confronti dopo la proiezione di Cannes, che non era stata proprio un successo. Nell’insieme, ora è visibile un buon film, raccontato in modo scabro e lineare, ottimamente interpretato da una magnifica Adele Haenel.

Annunci

In nome di mia figlia

Schermata 2016-06-12 alle 19.52.34recensione del film:
IN NOME DI MIA FIGLIA

Titolo originale:
Au nom de ma fille

Regia:
Vincent Garenq

Principali interpreti:
Daniel Auteuil, Sebastian Koch, Marie-Josée Croze, Christelle Cornil, Lila-Rose Gilberti,  Emma Besson, Christian Kmiotek, Serge Feuillard, Fred Personne, Thérèse Roussel. – 87 min. – Francia 2016.

Con l’approssimarsi dell’estate, è sempre più difficile trovare nelle sale un film accettabile: Cannes si è visto poco (speriamo nell’autunno); Venezia non è ancora all’orizzonte (idem); arrivano, invece, sui nostri schermi film non eccelsi, nonché talvolta qualche discreto documentario, che, travestito da evento, si ferma nelle sale per due soli giorni ed è visto da un pubblico di nicchia, non troppo numeroso, anche per l’alto costo del biglietto. Mai come in questo periodo si avverte in Italia la mancanza di un’offerta dignitosa di racconti cinematografici, diversi dai documentari e dalle biografie, e anche dai film-cronaca, come questo, che troverebbero spazi più adatti sul piccolo schermo televisivo, almeno secondo me.

Il regista Vincent Garenq ha affrontato un caso giudiziario che per trent’anni è stato al centro della pubblica attenzione in Francia: un uomo, André Bamberski (Daniel Auteuil), ha infatti sacrificato trent’anni della propria vita per dedicarsi alla ricostruzione delle circostanze che avevano provocato la morte della figlia Kalinka e per farne condannare il responsabile. La giovinetta, legata a lui da un profondo affetto, era partita per le vacanze estive alla volta della Germania, dove viveva la madre col suo compagno, il medico Dieter Krombak. Da quella vacanza Kalinka non sarebbe mai tornata: un tragico destino l’aveva stroncata all’improvviso, senza che le cause della sua morte venissero in qualche modo chiarite. L’ambiguo comportamento del dottor Krombak aveva insospettito André, che a poco a poco si era convinto del suo ruolo attivo in tutta la vicenda.
Purtroppo per lui, però, non gli sarebbe stato facile dimostrarne la colpevolezza, sia per l’incredulità della ex moglie, ben decisa a difendere il suo compagno; sia per l’inerzia dei giudici tedeschi, alquanto riluttanti a incriminare senza prove un cittadino stimato; sia per le resistenze della giustizia francese, attenta a evitare che un caso diplomatico mettesse in crisi le relazioni buone fra i rispettivi stati. Nonostante le difficoltà, ma grazie soprattutto a una capillare e non facile informazione dell’opinione pubblica dei due paesi (più avanti verrà coinvolta anche anche quella austriaca e svizzera), André avrebbe vinto la sua causa, ottenendo la condanna di quel medico, di cui venne riconosciuta la pericolosità sociale: era un maniaco sessuale, uno stupratore, oltre che un assassino.

Erano passati trent’anni, però: una vita intera, durante la quale egli aveva perso tutto: gli amici, l’amante e persino l’altro figlio l’avevano abbandonato alla sua “ossessiva ” ricerca della verità, diventata la ragione stessa della sua vita.
Per fortuna degli spettatori, i trent’anni di lotta del poveretto sono stati ridotti a 87 (pesantissimi) minuti sullo schermo: sempre troppi anche per un caso di cronaca doloroso come questo, che non è molto diverso dai numerosi casi simili che trasmissioni televisive (benemerite, per carità) ci presentano settimanalmente sui piccoli schermi di casa nostra. Una buona inchiesta giornalistica non diventa automaticamente un bel film! L’interpretazione di Auteuil, molto partecipata, riesce talvolta a salvarci dagli sbadigli.

 

il lavoro, oggi (Due giorni una notte)

Schermata 2014-11-27 a 12.43.52recensione del film:

DUE GIORNI, UNA NOTTE
Titolo originale Deux Jours, Une Nuit

Regia:

Luc Dardenne e Jean – Pierre Dardenne

Principali interpreti:
Marion Cotillard, Fabrizio Rongione, Pili Groyne, Simon Caudry, Catherine Salé, Alain Eloy, Olivier Gourmet, Christelle Cornil – 95 min. – Belgio  2014

Sandra (Marion Cotillard) è una giovane madre di famiglia. Finché la salute glielo aveva permesso, la donna aveva lavorato insieme a sedici colleghi in una piccola fabbrica di pannelli solari. Quando, a seguito di una crudele depressione, aveva dovuto assentarsi dal lavoro, il padrone non l’aveva sostituita, ma, per risparmiare sui costi, aveva utilizzato tutti gli altri operai, aumentandone le ore di lavoro settimanali (tre ore in più ciascuno), cosicché questi avevano arrotondato lo stipendio con gli “straordinari”, ciò che, in momenti di crisi economica dilagante, aveva fatto generalmente comodo. Ora Sandra è guarita e vorrebbe tornare al suo posto. Il padrone non ha intenzione di ri-assumerla (in Belgio, dove si svolgono i fatti, nessun automatismo per il reintegro dopo la malattia è previsto per legge), ma non ha il coraggio di dirglielo apertamente: affida, pertanto, al referendum fra i sedici operai che l’hanno collettivamente sostituita la decisione per il suo eventuale e costoso rientro: essi potranno votare per il sì, rinunciando però al premio  di mille Euro promesso a ciascuno di loro, eccezionale gratifica, senza alcuna relazione con gli “straordinari”, che comunque gli operai avevano percepito. Questo non è un particolare di poco conto, poiché determina, fin dagli inizi, lo schierarsi empatico dello spettatore dalla parte di Sandra, che non chiede ciò che non le spetta, perché chi ha lavorato al posto suo è stato pagato di più, ma chiede di rinunciare a un premio, che dimostra, fra le altre cose, che l’azienda non se la passa così male e che, perciò, le motivazioni economiche addotte dal padrone (la spietata concorrenza dei prodotti asiatici) sono pretestuose e celano altro.

Il film rappresenta perciò una situazione precisa, assolutamente credibile in un’ Europa che continua a vantare il suo Welfare, ma dove, in realtà, non esistono soggetti in grado di promuovere qualche forma di solidarietà: assenti i sindacati, ogni lavoratore è lasciato a sé e si difende come può, soprattutto puntando sulla compassione che riesce a suscitare*, sentimento nobile, ma certo pre -politico e quasi fuori dal nostro tempo, che sembra riportare all’indietro la condizione dei lavoratori, privati della loro dignità, di nuovo ricattabili dal padronato da  cui dipendono completamente, non solo per vivere, ma per mantenere livelli di esistenza accettabili, nonché qualche speranza per migliorare, in prospettiva, la condizione dei propri figli. La denuncia dei Dardenne, a questo proposito, è chiara e forte, coerente con larga parte del loro cinema; anche solo per questo la loro ultima fatica merita di essere vista e apprezzata. Non mi sento di affermare, però, che Due giorni, una notte possa essere considerato all’altezza dei loro film più belli, quali L’enfant, Il matrimonio di Lorna o Il ragazzo con la bicicletta. E’ infatti un po’ schematico e si regge quasi esclusivamente sulla straordinaria interpretazione di Marion Cotillard, attenta a contenere l’eccesso di patetismo (sempre in agguato, proprio per l’impostazione “pietosa” di cui ho parlato), grazie al minimalismo dei toni, alla controllatissima gestualità, alla capacità di dar vita a una dolente immagine femminile, piena di delicato pudore, ritrosa e riservata.

*E che Sandra stessa cercherà di suscitare durante il breve Weekend che la separa dal referendum