Neve nera

recensione del film:
NEVE NERA

Titolo originale:
Nieve Negra

Regia:Martin Hodara

Principali interpreti:
Laia Costa, Ricardo Darín, Leonardo Sbaraglia, Dolores Fonzi, Andrés Herrera, Mikel Iglesias, Javier Kussrow, Iván Luengo, Federico Luppi, Biel Montoro, Liah O’Prey – 90 min. – Argentina, Spagna 2017

Tornato in Patagonia, alla casa di famiglia, con le ceneri del padre, Marcos (Leonardo Sbaraglia), accompagnato dalla giovane moglie incinta, Laura (Laia Costa), era deciso ad affrontare col fratello Salvador (Riccardo Darin) le questioni dell’eredità paterna, proprio ora che un’importante impresa mineraria canadese aveva offerto una cifra strabiliante per entrare in possesso – prendere o lasciare – dell’intera proprietà. Si comprende da subito quanto la questione fosse complessa: Salvador era anziano e non intendeva lasciare quel territorio che gli dava da vivere in modo per lui soddisfacente e a cui lo legava un passato doloroso, che non intendeva dimenticare. Era morto lì, infatti, Juan (Ivan Luengo), il fratello piccolo, caduto durante una battuta di caccia, colpito involontariamente dal suo fucile, fatto atroce all’origine della pazzia di Sabrina  (Dolores Fonzi), la giovane sorella ora relegata in un ospedale psichiatrico. Come si vede, sulla famiglia di Marcos sembrava essersi accanito un destino tragico che aveva reso, per forza di cose,  intrattabile e aggressivo Salvador, e che (nonostante l’apparente serenità del suo presente con Laura) si ripresentava negli incubi di Marcos, nelle sue paure, nelle angosce tormentose di ogni giorno, soprattutto dopo il suo ritorno in Patagonia. A poco a poco nel corso del film apprenderemo le cose che non erano state dette della morte di Juan, i segreti inconfessabili sepolti nel suo cuore, nonché la natura sordida dei rapporti tra i fratelli, in un crescendo di orrore disgustoso, che rende discutibile la conclusione del film, girato certamente con molta maestria, e con una velleitaria attenzione ai problemi della colpa e del “peccato”, rapidamente risolti, però, dal sorprendente cinismo che, in vista della cospicua eredità, trasforma completamente il sistema dei valori su cui sembrava fondarsi la coppia, tutto amore e tenerezza, in attesa del bebè.

I pregi dell’ottima fotografia, che nel cupo paesaggio invernale era sembrata annullare con un continuo flashback ogni distanza temporale, nonché la pregevole prova di tutti gli attori si infrangono sulla banalità superficiale e sull’impudicizia (in tutti i sensi) esibita dell’ultima parte del film. Peccato!

 

Annunci

I nazisti di Bariloche (The German Doctor – Wakolda)

Schermata 05-2456809 alle 14.36.47recensione del film:

THE GERMAN DOCTOR – Wakolda
Titolo originale: The German Doctor

Regia: Lucía Puenzo

Principali interpreti: Alex Brendemühl, Natalia Oreiro, Diego Peretti, Elena Roger, Guillermo Pfening, Ana Pauls, Alan Daicz, Florencia Bado, Abril Braunstein, Juani Martínez – 93 min. – Argentina, Francia, Spagna, Norvegia, Germania 2013.

Lucia Puenzo è la regista argentina di questo film e di altri due precedenti, il primo dei quali dei quali, molto bello, era uscito in Italia, dove era rimasto poco, nel 2007: si intitolava XXY (il titolo alludeva all’errore cromosomico all’origine delle sofferenze del giovane ermafrodita, di cui viene raccontato il calvario per fare accettare la propria diversità). Del secondo, ora reperibile in DVD, in Italia non si era avuto notizia. Eccoci ora, con un anno di ritardo, all’uscita del terzo film.

In quest’opera, tratta dal romanzo da lei stessa scritto, la regista ci racconta alcuni fatti realmente accaduti negli anni ’60 in Argentina, ai tempi di Peron quando il governo argentino accolse a braccia aperte alcuni sopravvissuti fra i gerarchi nazisti più noti e famigerati, permettendo loro di soggiornare nel sud della Patagonia, in un bellissimo e poco abitato paesaggio che pare quasi alpino, di montagne, di nevi e di laghi. Il governo peronista consentì inoltre che i nazisti si organizzassero, creassero una scuola, una biblioteca e proseguissero, perciò, senza dar troppo nell’occhio, l’opera di propaganda del razzismo hitleriano. Nella loro comunità, trovarono spazio e ospitalità anche Eichmann, il meticoloso “contabile della morte” di Auschwitz e Mengele, il medico fanatico e spietato, che sempre ad Auschwitz sperimentò, sulla carne viva delle donne incinte e dei bambini ebrei o zingari, prima di ucciderli, farmaci per l’aumento della statura e per favorire le gravidanze gemellari. Eichmann, catturato in seguito alla caccia ai criminali nazisti avviata dai servizi segreti israeliani in tutto il mondo, fu portato in Israele, processato e condannato a morte. Mengele, pur ricercato e individuato da una donna, la fotografa impiegata nella biblioteca della scuola tedesca di Bariloche, riuscì a farla franca e a sfuggire alla cattura, trovando rifugio, dopo l’Argentina, in altri stati sudamericani, dal Paraguay, all’Uruguay, al Brasile dove morì, a quanto pare per cause naturali, nel 1979 all’età di 67 anni. Lucia Puenzo seguendo le linee narrative del proprio romanzo (intitolato Wakolda, ora tradotto in italiano e pubblicato da Guanda), ci parla dunque del soggiorno dello spietato Mengele a Bariloche, dove era riuscito a introdursi nella vita di una famiglia, guadagnandosi la fiducia incondizionata di una ragazzina di nome Lilith, disposta ad assumere qualunque farmaco pur di trovare un rimedio alla propria bassa statura. Il film, dunque, assume le caratteristiche di un inquietante horror, sia pure molto ovattato, perché i modi del dottore erano gentili ed educati e sembravano riflettere un affetto sincero e una vera preoccupazione per la bambina e per i suoi problemi. Il consenso materno alle “cure sperimentali” non mancava; quello paterno, invece, non ci fu mai, perché il padre, diffidente nei confronti dello strano dottore, era stato tenuto all’oscuro di tutta la vicenda, così come era all’oscuro che anche la gravidanza (gemellare) della moglie venisse seguita farmacologicamente da questo medico. D’altra parte, per non suscitare sospetti, il dottore aveva assecondato con molto zelo la passione del padre per le bambole meccaniche, di cui, addirittura, gli aveva facilitato la produzione in serie: tutte uguali, bionde, con gli occhi azzurri, bellissime e perfette…

Film da vedere, sia perché la narrazione ci permette di capire quanta banalità e quanti luoghi comuni fossero alla base di certe affermazioni pseudoscientifiche sulla purezza del sangue e della razza, sia perché aiuta a non dimenticare gli orrori e le efferatezze che hanno segnato profondamente gran parte del XX secolo. Avrebbe giovato, complessivamente, ai più giovani soprattutto, qualche spiegazione in più circa le mostruose attività di Mengele ad Auschwitz, perché il rischio è che il film venga compreso principalmente da chi possiede già, per conoscenze e studi personali, le notizie storiche necessarie a capirlo.

una donna e la sua bambina (Las acacias)

Schermata 10-2456572 alle 21.54.44recensione del film:

LAS ACACIAS

Regia:
Pablo Giorgelli

Principali interpreti:
German de Silva, Nayra Calle Mamani, Hebe Duarte – Argentina – Spagna 2011 – Durata 85 minuti.

Dal 2011 avremmo potuto vedere questo film, apprezzato dalla giuria internazionale del festival di Cannes (gli fu assegnata la Camera d’oro 2011, quella che premia le migliori opere prime), ma non dalla distribuzione, che ora, finalmente, per gentile concessione, ce lo lascia guardare, finalmente!
Certo il film, girato a basso costo, non ha le caratteristiche che tanto piacciono al mondo degli appassionati di effetti speciali, o di kolossal: neppure una colonna sonora, poche le parole, una trama tenue. Verrebbe da far notare che esiste anche chi si appassiona di cinema perché ama riflettere, pensare oltre che emozionarsi per la tensione “adrenalinica” come si sente dire con brutto neologismo: ebbene sì, ci siamo e, nonostante tutte le insidie e le volgarità del mercato, cerchiamo di sopravvivere, un po’ come i panda! Stiamo per diventare una specie protetta?


L’acacia è una pianta strana: piccole foglie e fiore profumato sembrano indizi della sua fragilità; in realtà è una pianta robustissima (come testimonia anche il suo legno molto compatto), pronta a cacciar fuori di nuovo dalle radici, largamente diffuse nel terreno, nuovi getti, polloni, gemme e fronde, quasi difendendo tenacemente il proprio diritto a vivere ancora, anche se il suo tronco è stato tagliato dagli uomini. Il quadro da cui muove la vicenda è una foresta paraguayana, dove, fra l’assordante stridore delle seghe elettriche, le scintille e il fumo, proprio un buon numero di queste piante viene abbattuto fin quasi alla radice: i tronchi, a loro volta ridotti in dimensioni che ne rendano praticabile il trasporto, saranno caricati e legati sui camion, per raggiungere la loro destinazione. Ruben è uno dei trasportatori in attesa di partire: deve andare come sempre a Buenos Ayres, col suo carico di legname ma, questa volta, su richiesta del padrone del veicolo che guida, dovrà portare con sé una donna che raggiungerà alcuni parenti di Buenos Ayres. Ecco quindi comparire Jacinta, alta, giovane bruna, che porta con sé, inaspettatamente, oltre a due borsoni da viaggio, una bimba di cinque mesi, Anahi, più ingombrante di qualsiasi bagaglio, più esigente di qualsiasi viaggiatore. La piccola, infatti, coinvolgerà con i suoi problemi anche il riluttante camionista, costretto a fermarsi più volte controvoglia: i suoi pianti esprimono esigenze elementari, che non è possibile ignorare, essendo impellenti come la fame, il cambio del pannolino, il fastidio per il fumo. Ruben è un uomo inselvatichito da lunghi anni di solitudine e, probabilmente, da molte delusioni che gli hanno indurito il cuore: non ama parlare di sé, riaprendo vecchie ferite; ma altrettanto riserbo esprime Jacinta, che dice però una cosa con chiarezza: “Anahi non ha un padre”, lasciando intendere una storia dolorosa alle sue spalle di cui non intende parlare. Furtivamente, Ruben la vedrà piangere amaramente mentre telefona a qualcuno nella cabina di una stazione di servizio, ma il suo aspetto sereno, al ritorno, blocca sul nascere qualsiasi curiosità di lui, semmai ci fosse stata. Questo è un film silenzioso, in cui l’espressione degli occhi e la mimica contano più delle parole: grazie al silenzio si percepiscono i rumori della natura, del lavoro umano, dello scorrere della strada e si comprendono anche le ragioni di Anahi, che sono quelle della vita che si afferma prepotentemente, come è giusto che sia. Il silenzio aiuta a capire, forse, che quell’uomo e quella donna hanno preteso troppo da se stessi e che potrebbero, lasciandosi alle spalle i dolori del passato, percorrere ancora un po’ di strada insieme, ricominciando da capo, come l’acacia quando si rinnova dalle radici. Forse.

Film bello e poetico, il cui segreto è nel montaggio eccellente, che, alternando alle poche parole i lunghi ma eloquenti silenzi, diventa funzionale al racconto pudico di due vite difficili, che con difficoltà tentano di uscire dalla solitudine dolorosa che sembra loro connaturata. Eccezionale l’interpretazione dei due attori protagonisti; stupenda la piccola Anahi.

la difficile infanzia di Juan (Infanzia clandestina)

Schermata 08-2456536 alle 17.44.34recensione del film:
INFANZIA CLANDESTINA

Titolo originale:
Infancia clandestina

Regia:
Benjamin Avila

Principali interpreti:
Natalia Oreira, Ernesto Alterio, César Troncoso, Cristina Banegas, Teo Gutierrez Moreno – Spagna, Argentina, Brasile 2012 –
112 min.

Argentina 1979: la dittatura del generale Videla (che terminerà nel 1983) continuava nella feroce repressione di qualsiasi forma di dissenso politico, cosicché nuove leve di combattenti rientrarono dall’esilio cubano, un po’ alla volta, sotto falso nome e con falsi documenti, per rimpiazzare gli oppositori caduti. Essi portavano con sé non solo il materiale di propaganda e tutto quanto sarebbe servito a proseguire la lotta contro la giunta militare, ma anche i figli, per dare al loro nuovo insediamento una parvenza di normalità. Così, dunque, avviene che il dodicenne Juan, la cui storia viene ricostruita dal regista di questo film, largamente autobiografico, diventi, con la sorellina ancora in fasce, un piccolo clandestino, il che rende più complicato il vivere quotidiano apparentemente normale dei suoi genitori e dello zio Beto. Juan aveva dovuto abbandonare la nonna materna, che fino a quel momento si era presa amorevolmente cura di lui e che continuava a rivendicare il diritto del bambino a vivere serenamente con lei, e aveva seguito la famiglia, assumendo un’identità fittizia: nella casa periferica di Buenos Aires aveva appreso di chiamarsi Ernesto e di provenire da Cordoba, così come aveva imparato a conoscere la casa e i suoi nascondigli segreti, e si era anche abituato, dubbioso e stupefatto, a quegli strani amici dei genitori, che ogni tanto vedeva aggirarsi nelle stanze di casa, sempre molto rigidi, severi e corrucciati. Solo lo zio Beto sembrava aver capito i suoi problemi di bambino ed era riuscito a comunicare davvero con lui, trovando il linguaggio più adatto e mostrando anche un volto tollerante e indulgente nei confronti delle sue piccole, ma profonde e reali, esigenze. Da quando aveva ripreso a frequentare la scuola, infatti, Juan – Ernesto aveva scoperto quanto gli sarebbe piaciuto coltivare l’amicizia dei suoi compagni, festeggiare con loro il proprio compleanno, o condividere con loro un periodo di campeggio; aveva anche scoperto che esistono le bambine, per una delle quali, Maria, aveva mostrato interesse, tanto che se n’era innamorato, sognando con lei di fuggire in Brasile. Il suo bisogno di socialità, di amicizia, così come il nascere del primo amore stavano provocando, però, una tensione insostenibile in famiglia, dove i suoi genitori erano troppo preoccupati della segretezza del loro agire per aprire le porte di casa ai suoi amici, e troppo tenevano anche alla riuscita del loro progetto rivoluzionario per occuparsi davvero di lui. Ad aiutarlo era stato ancora una volta Beto, destinato però, dalla furia sanguinaria dei generali a una morte prematura e drammatica: destino analogo toccherà anche a tutti gli altri membri della sua famiglia.

Il regista mette in scena dunque la storia della propria infanzia rubata, rivivendola con gli occhi del bambino, per parlarci delle paure, degli slanci, della tenerezza, dei delicati moti del cuore che comincia ad aprirsi all’amore, della voglia frustrata di vita normale, indagando con delicata attenzione nel groviglio di contraddittorie emozioni che nascono dalla particolare condizione di una vita infantile connotata dalla doppiezza, e utilizzando la tecnica del disegno per rappresentare le scene di violenza più insostenibili, che paiono quasi essere rielaborate con infantile distacco. Insolito e bellissimo film, la cui visione mi sento di raccomandare vivamente, anche per comprendere quali furono i riflessi drammatici sulla vita quotidiana di quell’ orribile e buio momento della storia dell’Argentina.

A questo link troverete un’intervista al regista, su due pagine, da non perdere!