Mal di pietre

recensione del film:

MAL DI PIETRE

Titolo originale:
Mal de Pierres

Regia:
Nicole Garcia

Principali interpreti:
Marion Cotillard, Louis Garrel, Alex Brendemühl, Brigitte Roüan, Victoire Du Bois, Aloïse Sauvage, Daniel Para, Sören Rochefort, Camilo Acosta Mendoza – 16 min. – Francia 2016.

Provenza – Anni ’50
Sullo sfondo suggestivo dell’abbazia di Sénanque e dei campi di lavanda che la circondano, aveva vissuto la propria adolescenza tormentata Gabrielle (Marion Cotillard). Ai mutamenti del corpo e alla tempesta ormonale conseguente, la giovane aveva reagito cercando di dissimulare debolmente le prepotenti pulsioni sessuali sotto il velo dell’amore passionale, alimentato dalle letture romanzesche consigliate dall’insegnante-bibliotecario locale, colui che sarebbe diventato la futura vittima della sua esuberanza amorosa. Durante una festa sociale, infatti, costui se ne era arrivato accompagnato dalla moglie incinta ed era stato pubblicamente aggredito da Gabriella, le cui escandescenze erano da tempo oggetto delle preoccupazioni dei suoi genitori, ricchi possidenti agrari. La giovane fu messa davanti all’alternativa: o un matrimonio al più presto, con l’onesto operaio José Rabascal (Alex Brendemühl), un esule catalano dopo la vittoria franchista del 1939, che ne apprezzava da tempo grazia e bellezza, oppure il manicomio per il resto dei suoi giorni, unico rimedio praticato nei casi in cui la vivacità sessuale femminile si fosse fosse spinta in modo imbarazzante troppo oltre l’accettabile, secondo le convenzioni del tempo. Gabrielle, pertanto, era diventata moglie di un marito non voluto, che avrebbe a lungo respinto, il quale aveva accondisceso al rapporto asimmetrico con lei, nella speranza di riuscire, col suo comportamento paziente e devoto, a far breccia prima o poi nel suo cuore.

In un lussuoso sanatorio svizzero dove la donna era stata ricoverata per curarsi dei calcoli renali (il mal di pietre) di cui soffriva e che le impedivano di diventare madre, sarebbe avvenuto, però, l’incontro fatale e imprevedibile con André (Louis Garrel), un ufficiale dell’esercito francese in Indocina, ferito a morte e circondato dall’aura fascinosa dell’eroe “bello di fama e di sventura”.
Nel folle amore passionale per lui, Gabrielle, del tutto priva del senso della realtà, sembrava aver trovato, finalmente, la risposta alle proprie ossessioni, ma si era trattato di una risposta dissociata e allucinatoria, di cui, solo molto più tardi avrebbe avuto piena coscienza.

Rifacendosi al romanzo italiano omonimo della scrittrice sarda Milena Agus (2002), la regista Nicole Garcia sembra aver soddisfatto pienamente le attese della sua ispiratrice; non altrettanto si può affermare per il pubblico cinefilo di Cannes, che lo scorso anno espresse il proprio dissenso, anche con molto clamore, rispetto a questa pellicola lacrimosa, che offre davvero poche occasioni di empatia con la protagonista della storia. Gabrielle, infatti, nonostante l’ottima e misurata interpretazione della bravissima Marion Cotillard, non riesce a catalizzare attorno a sé molto altro che la pena e il disagio che si prova generalmente nei confronti di chi è incapace di qualsiasi approccio razionale col mondo. Personalmente, pur ritenendo che la prima parte del film presenti una buona ricostruzione del milieu, legato ai pregiudizi largamente presenti nelle campagne non solo francesi, che si alimentavano della secolare diffidenza nei confronti della sessualità femminile, il film mi è sembrato degno di nota solo per le bellissime immagini della lavanda e dell’abbazia di Sénanque, poiché evoca nel mio cuore luoghi a cui sono affettivamente molto legata. Questa, però, è un’altra storia!

Annunci

Truman – Un vero amico è per sempre

Schermata 2016-04-27 alle 14.00.23recensione del film:
TRUMAN – Un vero amico è per sempre

Titolo originale:
Truman

Regia:
Cesc Gay

Principali interpreti:
Ricardo Darín, Javier Cámara, Dolores Fonzi, Eduard Fernández, Alex Brendemühl,
Pedro Casablanc, José Luis Gómez, Javier Gutiérrez, Elvira Mínguez – 108 min. – Spagna, Argentina 2015.

Se si riesce a superare il fastidio per la solita appendice didattica del titolo italiano (Truman è il sobrio titolo originale spagnolo), si può vedere un film di notevole interesse, che affronta un tema delicato e duro con intelligenza e leggerezza così amabili da renderne la visione molto gradevole. Un vero amico è in realtà un uomo vero: true man, quello che non si lascia spaventare dalla morte prossima e inevitabile dell’amico antico e che accorre anche se la richiesta di soccorso arriva dall’altro capo del mondo, dopo anni di silenzio. Così era andata, infatti, quando Tomas, ormai canadese di adozione, (Javier Càmara) aveva raggiunto a Madrid il vecchio compagno di scuola e di avventure giovanili Julian (Ricardo Darin), che si era ammalato senza possibilità di guarire: un tumore all’ultimo stadio e giusto il tempo (quattro giorni) per un passaggio di consegne che diventava soprattutto un affidarsi alla memoria di chi sarebbe sopravvissuto accogliendo fra le proprie mani l’animale simbolo dell’amicizia eterna che tutto accetta senza giudicare né chiedere, il cane di nome Truman, vero uomo proprio come il suo padrone che se ne stava andando. L’aspetto più singolare del film è che di morte, di malattia e del cane stesso si parla pochissimo nel corso di tutta la narrazione: sono presenze-assenze nella mente e nei cuori degli spettatori, ma non incombono opprimendoli angosciosamente, perché tutto il racconto è fatto di squarci della vita quotidiana di Julian, dalla visita medica per la prognosi definitiva, al lavoro (Julian fa l’attore), alle visite dal veterinario, all’adozione in prova di Truman da parte di una famiglia di donne russe; da uno stravagante (in apparenza) viaggio all’improvviso Madrid-Amsterdam e ritorno, a qualche buona mangiata, a qualche generosa libagione… La vita dei due amici che continua, nonostante tutto, insomma, parlando il meno possibile di ciò che accadrà, che rimane sullo sfondo con discrezione, con dolcezza, perché, in fondo, morire è strettamente legato al vivere, alle cose e alle persone che si sono amate e che si devono lasciare, e che conserveranno in sé qualcosa di noi.

Credo che questo, infatti, sia anche e soprattutto un film sull’accettazione della morte, grande tabù dell’uomo occidentale che continuamente la esorcizza tenendola lontana dai suoi pensieri, dai suoi discorsi, dalla sua quotidianità.
In una intervista al Venerdì di Repubblica del 15 aprile 2016, il regista afferma:”Se dovessi raccontarlo in  parole direi che è un film sulla despedida, sull’addio… Non si vuol affrontare la morte – di un amico, di un familiare, di una persona cara – e si accampano tutte le scuse possibili… Io credo che sia importante despedirse per non avere il rimorso di quello che non si è detto, di quello che non si è fatto. Truman non è un film su chi muore, ma su chi rimane….su come tu ti relazioni alla persona che muore”.

Un altro film spagnolo ben scritto, ben diretto e ottimamente interpretato, che ci dice molto dello stato di grazia di quella cinematografia, oggi. Da vedere!

 

I nazisti di Bariloche (The German Doctor – Wakolda)

Schermata 05-2456809 alle 14.36.47recensione del film:

THE GERMAN DOCTOR – Wakolda
Titolo originale: The German Doctor

Regia: Lucía Puenzo

Principali interpreti: Alex Brendemühl, Natalia Oreiro, Diego Peretti, Elena Roger, Guillermo Pfening, Ana Pauls, Alan Daicz, Florencia Bado, Abril Braunstein, Juani Martínez – 93 min. – Argentina, Francia, Spagna, Norvegia, Germania 2013.

Lucia Puenzo è la regista argentina di questo film e di altri due precedenti, il primo dei quali dei quali, molto bello, era uscito in Italia, dove era rimasto poco, nel 2007: si intitolava XXY (il titolo alludeva all’errore cromosomico all’origine delle sofferenze del giovane ermafrodita, di cui viene raccontato il calvario per fare accettare la propria diversità). Del secondo, ora reperibile in DVD, in Italia non si era avuto notizia. Eccoci ora, con un anno di ritardo, all’uscita del terzo film.

In quest’opera, tratta dal romanzo da lei stessa scritto, la regista ci racconta alcuni fatti realmente accaduti negli anni ’60 in Argentina, ai tempi di Peron quando il governo argentino accolse a braccia aperte alcuni sopravvissuti fra i gerarchi nazisti più noti e famigerati, permettendo loro di soggiornare nel sud della Patagonia, in un bellissimo e poco abitato paesaggio che pare quasi alpino, di montagne, di nevi e di laghi. Il governo peronista consentì inoltre che i nazisti si organizzassero, creassero una scuola, una biblioteca e proseguissero, perciò, senza dar troppo nell’occhio, l’opera di propaganda del razzismo hitleriano. Nella loro comunità, trovarono spazio e ospitalità anche Eichmann, il meticoloso “contabile della morte” di Auschwitz e Mengele, il medico fanatico e spietato, che sempre ad Auschwitz sperimentò, sulla carne viva delle donne incinte e dei bambini ebrei o zingari, prima di ucciderli, farmaci per l’aumento della statura e per favorire le gravidanze gemellari. Eichmann, catturato in seguito alla caccia ai criminali nazisti avviata dai servizi segreti israeliani in tutto il mondo, fu portato in Israele, processato e condannato a morte. Mengele, pur ricercato e individuato da una donna, la fotografa impiegata nella biblioteca della scuola tedesca di Bariloche, riuscì a farla franca e a sfuggire alla cattura, trovando rifugio, dopo l’Argentina, in altri stati sudamericani, dal Paraguay, all’Uruguay, al Brasile dove morì, a quanto pare per cause naturali, nel 1979 all’età di 67 anni. Lucia Puenzo seguendo le linee narrative del proprio romanzo (intitolato Wakolda, ora tradotto in italiano e pubblicato da Guanda), ci parla dunque del soggiorno dello spietato Mengele a Bariloche, dove era riuscito a introdursi nella vita di una famiglia, guadagnandosi la fiducia incondizionata di una ragazzina di nome Lilith, disposta ad assumere qualunque farmaco pur di trovare un rimedio alla propria bassa statura. Il film, dunque, assume le caratteristiche di un inquietante horror, sia pure molto ovattato, perché i modi del dottore erano gentili ed educati e sembravano riflettere un affetto sincero e una vera preoccupazione per la bambina e per i suoi problemi. Il consenso materno alle “cure sperimentali” non mancava; quello paterno, invece, non ci fu mai, perché il padre, diffidente nei confronti dello strano dottore, era stato tenuto all’oscuro di tutta la vicenda, così come era all’oscuro che anche la gravidanza (gemellare) della moglie venisse seguita farmacologicamente da questo medico. D’altra parte, per non suscitare sospetti, il dottore aveva assecondato con molto zelo la passione del padre per le bambole meccaniche, di cui, addirittura, gli aveva facilitato la produzione in serie: tutte uguali, bionde, con gli occhi azzurri, bellissime e perfette…

Film da vedere, sia perché la narrazione ci permette di capire quanta banalità e quanti luoghi comuni fossero alla base di certe affermazioni pseudoscientifiche sulla purezza del sangue e della razza, sia perché aiuta a non dimenticare gli orrori e le efferatezze che hanno segnato profondamente gran parte del XX secolo. Avrebbe giovato, complessivamente, ai più giovani soprattutto, qualche spiegazione in più circa le mostruose attività di Mengele ad Auschwitz, perché il rischio è che il film venga compreso principalmente da chi possiede già, per conoscenze e studi personali, le notizie storiche necessarie a capirlo.