50 primavere

recensione del film
50 PRIMAVERE

Titolo originale:
Aurore

Regia:
Blandine Lenoir

Principali interpreti:
Agnès Jaoui, Thibault de Montalembert, Pascale Arbillot, Sarah Suco, Lou Roy-Lecollinet, Nicolas Chupin, Rachel Farmane, Laurie Bordesoules, Juliette Vieux Peccate, Armand Paul Jean – 89 min. – Francia 2017

Aurore è il titolo originale francese di questo film, nome proprio della protagonista e, si direbbe, metafora allusiva  dello schiudersi di un nuovo giorno per lei (è la grandissima Agnès Jaoui), che sta per compiere cinquant’anni. È ben altra cosa il titolo italiano, 50 primavere, che introducendo un eufemismo scherzoso, diventa fuorviante e alquanto crudele, lasciando trasparire una generica resistenza, tutta femminile, al naturale processo di invecchiamento. Alla stessa logica sembra ispirarsi il trailer che solo in versione italiana allinea, uno dopo l’altro, tutti gli episodi più ridanciani a supporto di un titolo siffatto.

Aurore vive sull’Atlantico, a La Rochelle, l’antica cittadella dei giansenisti; è provata dalla fatica e dai sacrifici: è separata dal marito e affronta la vita dividendosi fra il lavoro, dequalificato ed eternamente precario, le amiche e le due figlie, di cui la più grande sta per renderla nonna. Per occuparsi di lei, quand’era ancora una giovane studentessa, Aurore aveva interrotto gli studi, dando l’addio al sogno di realizzare le proprie aspirazioni professionali. Ora, sulla soglia dei cinquant’anni, il suo corpo si sta appesantendo, arrivano i guai della menopausa e, forse per la prima volta, prova la sensazione di  sentirsi vecchia, sola, quasi povera ed è scontenta.
È il momento di tirare i remi in barca? La voglia di vivere e di farsi valere è ancora forte, la voglia di dare e di ricevere amore e tenerezza non l’abbandona, ma il bilancio complessivo della propria vita non le appare soddisfacente: non ha finito gli studi; ha svolto i lavori più umili; si è sposata senza amore e senza dimenticare l’uomo che era stato la grande passione della propria giovinezza focosa, Totoche (un magnifico e fascinoso Thibault de Montalembert) che, tornato dall’Indocina dove aveva svolto il servizio militare, non aveva più voluto continuare la sua storia con lei che l’aveva tradito. Ora Totoche è un medico affermato, che casualmente Aurore ritroverà ancora una volta sulla propria strada…

Questo film delinea il ritratto molto interessante e attento di una donna, illuminando aspetti poco raccontati del disagio femminile nel momento più delicato, forse, dell’intera esistenza, acuito dalla percezione della propria inadeguatezza profonda nei confronti della vita di oggi, e di chi ne accetta  la disumana spietatezza, preoccupandosi esclusivamente di sé. I numerosi richiami a film anche recenti (Io, Daniel Blake o La legge del mercato), perciò, raccontando lo smarrimento di tutti gli sventurati che, da un giorno all’altro, sono senza lavoro o perdono il diritto alla pensione, e avvertono in pericolo la loro stessa dignità personale, sono squarci di realtà che testimoniano la volontà della regista, Blandine Lenoir, di raccontare non solo con i toni della commedia la crisi di Aurore, personaggio complesso, a tratti dolente, a tratti gioioso, più spesso auto-ironico. Una commedia molto amara, solo apparentemente ridanciana e leggera.
Da vedere.

Annunci

amore e favole (Quando meno te l’aspetti)

Schermata 06-2456460 alle 00.49.08recensione del film:

QUANDO MENO TE LO ASPETTI

Titolo originale:

Au bout du conte

Regia:

Agnès Jaoui

Principali interpreti:  

Jean-Pierre Bacri, Agnès Jaoui, Agathe Bonitzer, Arthur Dupont, Valérie Crouzet, Dominique Valadié, Benjamin Biolay, Laurent Poitrenaux, Beatrice Rosen, Didier Sandre, Nina Meurisse, Clément Roussier  – 112 min. – Francia 2013

Quanto influiscono sui nostri comportamenti le fiabe, quelle che i bambini (non tutti, a quanto si vede nel film) prendono sul serio, quelle che rappresentano un mondo pieno di insidie, puntualmente superate e che si concludono invariabilmente raccontandoci che vissero tutti felici e contenti? Quante sono le ragazze che cercano per la vita il principe azzurro delle favole? La regista di questo intelligente e ironico film sembra dirci che esistono in questo campo “credenti” e non credenti. Questi ultimi sono rarissimi: Pierre (Jean- Pierre Bacri), che si proclama continuamente ateo e razionalista, vive, in realtà, molto ansiosamente l’attesa della fatale scadenza del 14 marzo. In quel giorno, secondo la predizione di qualche cialtrone, egli morirà. Per non smentire la sua fama di uomo lucido e intelligente, Pierre non ne parla con la sua compagna, ma rende impossibile la loro convivenza poiché si chiude in sé, diventando sempre più cupo e intrattabile e inducendola ad andarsene. Anche i “credenti” sono pochi, perché la maggior parte delle persone sa distinguere fra realtà e immaginazione, tuttavia Laure (Agathe Bonitzer), per esempio, non solo crede alle favole, in modo particolare al Principe Azzurro, ma crede anche ai propri sogni, che, analizzati da qualche cialtrone, sembrerebbero trovare conferma nei fatti. Laure infatti aveva sognato di essersi perduta in un bosco di notte, ma di aver trovato l’aiuto del suo principe, che di colpo aveva cancellato la sua paura angosciosa mettendola in salvo. Il problema diventa come identificare il bel Principe: sarà Sandro (Arthur Dupont), il bravissimo violinista, figlio di Pierre,

o sarà Maxime (Benjamin Biolay), bello e tenebroso, incontrato davvero in un bosco, ma che di cognome fa Wolf, particolare a cui l’ingenua “credente” Laure non ha troppo badato?… Il povero Sandro diventerebbe con Laure un vero Cenerentolo (la regista si diverte a disseminare indizi di questa deriva), data la differente appartenenza sociale delle famiglie dei due ragazzi. La povera Laure diventerebbe con Wolf, invece, una delle tante vittime del Lupo cattivo, una delle troppe donne del suo catalogo di fascinoso Don Giovanni: non proprio ciò che si aspettava dalla vita. Il problema vero è che gli amori nascono per caso, sono per loro natura capricciosi, e sono imprevedibili, perché traggono la loro origine, principalmente, da quella fascinazione fatta di simpatia e di desiderio, assai poco razionalizzabile, che può durare oppure no, che può interrompersi improvvisamente o altrettanto improvvisamente riaprendere vigore, senza alcun perché, come le storie dei personaggi testimoniano. Le vicende del film si sviluppano mentre, parallelamente, una brava animatrice, Marianne (la stessa regista Agnès Jaoui), organizza per una scuola primaria lo spettacolo di fine anno. Naturalmente la donna sta da tempo preparando i bambini a imparare bene la loro parte, sceneggiando le fiabe e cercando di far comprendere loro che si tratta di recitarle, cioè di fingere. Quando però lo spettacolo andrà in scena, la bimba che dovrebbe baciare il rospo per farlo diventare il bel principe azzurro rifiuterà di farlo, riparando in un angolo del proscenio, semplicemente perché il bimbo-rospo non le piace, non è il suo principe, così come non lo è mai stato neppure durante le prove! Questa bella metafora ci riporta al gioco delle schermaglie amorose e ci aiuta a comprendere la logica sorridente del film, in cui i richiami alle favole sono continui e abbastanza riconoscibili. Meno riconoscibile, forse, ma molto presente, almeno secondo me, la commedia di Marivaux: Le jeu de l’amour et du hazard, già utilizzata, per una recita scolastica, in un bellissimo film di Abdellatif Kechiche, La schivata (L’esquive). Il film della Jaoui, pertanto, non solo dialoga col mondo dei racconti di favole, ma anche, attraverso il cinema di Kechiche, con la commedia di Marivaux, cioè col racconto degli amori nascenti e del caso. Un ottimo cast per una bella e colta commedia, il cui titolo originale è Au bout du conte (Alla fine del racconto). Che male abbiamo fatto per meritare questi strampalati titoli italiani?