Lady Macbeth


recensione del film:
LADY MACHBETH

Regia:
William Oldroyd

Principali interpreti:
Florence Pugh, Cosmo Jarvis, Paul Hilton, Naomi Ackie, Christopher Fairbank, Golda Rosheuvel, Anton Palmer, Rebecca Manley – 89 min. – Regno Unito 2016.

Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk è il racconto russo (1865) di Nikolaj Semënovič Leskov che ha ispirato questo film, il primo di William Oldroyd, apprezzatissimo regista teatrale londinese. Se però consideriamo complessivamente quest’opera, che il regista ambienta negli anni vittoriani, possiamo trovarvi temi o suggestioni da altri famosi romanzi di quello stesso periodo, quali, ad esempio, Lady Chatterley Lover di D.H. Lawrence e Thérèse Raquin di Emile Zola. La tragedia di Shakespeare, ça va sans dire, è sullo sfondo: sintesi di millenarie superstizioni misogine, che collegano alla “tentazione” sessuale, per sua natura diabolica e incarnata dal corpo femminile, una presunta sottomissione maschile al volere e al potere delle donne.

Si chiamava Katherine ed era poco più di un’adolescente la bella ragazza che aveva sposato, senza averlo scelto, Alexander, un nobile, proprietario insieme al padre (che viveva con lui) di un cupo castello della campagna scozzese, attraversata dai venti tempestosi e gelidi delle Highlands. Il padre, desideroso che la proprietà passasse nelle mani di un erede, aveva condotto col padre di lei una trattativa mercantile, quasi una compravendita, per concludere quel matrimonio che, non diversamente da altri a quei tempi, imponeva alle donne la sottomissione al maschio di casa  e gravidanze a ripetizione, secondo la volontà non discutibile del marito-padrone.

L’oltraggiosa indifferenza di Alexander per Katherine si era manifestata con arroganza fin dalla notte delle loro nozze,  fallimentare per lui e umiliante per lei. In futuro, egli, pur non apprezzando le grazie della giovane moglie, si sarebbe preoccupato soprattutto di contenerne la vitalità prorompente, imponendole una clausura pressoché totale, di cui si rendevano garanti suo padre e l’autorità religiosa di quel territorio, un prete attentissimo a salvaguardarne la virtù. Era accaduto, però, che suocero e marito avessero dovuto abbandonare per un po’ la proprietà alla volta di Londra e che Katherine, umiliata e offesa, nonché carica di odio, si fosse trovata all’improvviso libera, nella condizione ideale per il clamoroso tradimento che avrebbe dato una svolta decisiva alla sua vita. Un incontro inatteso con il mondo degli stallieri e dei lavoratori di casa, impegnati a torturare sadicamente l’ancella nera, addetta ai servizi della sua persona, aveva acceso la sua rabbia sdegnosa e, insieme, la sua curiosità. Aveva assistito a una scena sordida che l’aveva turbata profondamente, combattuta fra l’orrore sincero per quella manifestazione erotica brutale  e la curiosità per la sensualità sfrenata di quegli uomini. Di lì a poco le sue contraddittorie emozioni avrebbero trovato una risposta proprio tra le braccia di Sebastian, il palafreniere che durante quell’episodio si era maggiormente distinto per  la selvaggia ferocia.

Sarebbe arrivato ben presto, per lei, il momento della resa dei conti: dapprima aveva sopportato le allusioni del prete, poi aveva udito, con apparente rassegnazione, le pesanti insinuazioni del suocero che, tornato al castello, era intenzionato a farle pagare l’adulterio che gli era stato riferito; infine, aveva dovuto subire, ma solo fino a un certo punto, le ingiurie insolenti del marito, accompagnate dal suo disprezzo insopportabile. Katherine, novella Lady Macbeth, si sarebbe liberata di entrambi col delitto, senza i rimorsi, che,  come nella tragedia shakespeariana, avrebbero tormentato solo la coscienza di lui, Sebastian, il suo principale complice, ma anche colui che per origine e classe sociale era destinato fin dall’inizio a soccombere.

I cupi e terribili sviluppi successivi, che non intendo rivelare, permettono a Katherine di rafforzare la propria posizione di potere, ora che, dopo la morte del marito e del suocero, è rimasta l’unica proprietaria del castello e che usurpatori inattesi e molto agguerriti stanno insidiando il suo futuro e soprattutto quello del figlio (che è di Sebastian) che sente crescere in sé.  A reclamare la propria parte nel diritto di successione è, sorprendentemente, un altro figlio, di colore, ciò che introduce risonanze di bruciante e quasi anacronistica attualità in un film girato nei severi abiti vittoriani e negli ambienti austeri di quella dimora, privandolo definitivamente del compiacimento romantico di molti film inglesi in costume.
La messa in scena, quanto mai scarna, ricostruisce la severità drammatica del castello e la tristezza violenta del paesaggio del Nord Est scozzese, sfondi che riflettono in modo molto pertinente l’essenza profonda del personaggio di Katherine, spesso ripresa con i primi piani che ne sottolineano di volta in volta la solitudine, la determinazione, la grandezza sinistra. Grandissima è l’attrice (Florence Pugh) che la interpreta, perfettamente a proprio agio in ogni momento del film.

Film da vedere, soprattutto da chi non teme i violenti pugni allo stomaco che arrivano un po’ per volta, senza pietà!