Poche parole su Hammamet

L’ho visto. Esprimo perplessità e sospetti su un’operazione che, in occasione dei 20 anni dalla morte di Craxi, tende a riabilitarne la figura, accettando senza obiettare le tesi che Bettino Craxi aveva sempre sostenuto, ovvero che la sua cancellazione dal mondo politico fosse dovuta al complotto congiunto dei giudici e dei i comunisti, che ora lo facevano morire impedendogli di tornare in Italia per curarsi.

Bettino Craxi non poteva tornare in Italia senza passare dal carcere perché era stato condannato al carcere per i reati commessi e verificati durante due processi attraverso tre gradi di giudizio.

Questa condanna inappellabile, passata in giudicato, doveva essere ricordata con una breve scritta prima dei titoli di testa, sullo schermo.
L’omissione è imperdonabile e rende incomprensibile il film a chi sia troppo giovane per ricordare o a qualsiasi cittadino europeo o extraeuropeo che delle cose italiane poco sa.
Un film, sia pure italiano, non può essere destinato solo al nostro pubblico anziano.
Non lo recensirò, poiché, nonostante la mia età,  mi è rimasta un po’ di memoria e sufficiente lucidità per ricordare com’erano andate le cose.  I lettori mi scusino. A presto

2 pensieri su “Poche parole su Hammamet

  1. Hai ragione. Poche parole. Perché chi ha vissuto negli anni in cui Craxi era il politico più noto e importante non può aver dimenticato il dilagare della corruzione nella gestione personale e affaristica del potere e del bene pubblico, il degrado dei costumi. Sarebbe lungo ricordare la sfilza di responsabilità di un politico che ha preso a schiaffi la decenza, con azioni che pesano ancora sulle nostre spalle, ma basta fare una piccola ricerca, anche solo su internet, per riaggiornare sull’enorme danno alla vita e alla politica del nostro paese.
    Per questo il film Hammamet mi ha lasciato molto perplessa: pur riconoscendo la bravura di Favino come attore (impressionante la somiglianza con Craxi, grazie al trucco a anche alla sua interpretazione) e la capacità di Amelio come regista (anche se pesa una certa lentezza nella narrazione) mi è parso che si trasmetta una visione vittimistica dell’uomo. E pur avendo pena per la sofferenza umana mi sembra fuorviante la narrazione che lo rende, nelle ultime scene del film, un agnello sacrificale. Mi fermo qui, per decenza ho anche usato le parole in modo cauto…

    Piace a 1 persona

    • Sono stata a lungo incerta se vederlo o no, perché già solo la produzione firmata Saccà mi insospettiva. Il film ha superato davvero ogni limite; il sospetto di una riabilitazione revisionistica perché si dimentichino le ragioni per le quali B.C. non ha potuto rientrare in Italia mi ha davvero fatta arrabbiare. Nessuno avrebbe chiesto al regista il manzoniano “codardo oltraggio”; io non avrei voluto vedere un Maramaldo all’opera, ma bastava una scritta prima del film, per permettere una serenità di giudizio maggiore.
      Il trucco di Favino, perfetto, e la sua bravura è l’elemento a mio avviso più discutibile del film che avrebbe dovuto decidere se essere un vero biopic (rendendo perciò riconoscibili per nome e cognome i cortigiani al servizio del presidente e gli amici che andavano a trovarlo) o un film ispirato all’uomo e solidale con lui per compassione – operazione davvero manzoniana – e allora la riconoscibilità del presidente, come quella dei familiari più stretti diventano davvero elementi di troppo, in evidente contrasto con la funzione metaforica e metonimica attribuita all’amante, al politico, al figlio dell’amico ecc. Grazie mille di questo commento. Ciao Gina.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.