Maria Maddalena

recensione del film:
MARIA MADDALENA

Titolo originale:
Mary Magdalene

Regia:
Garth Davis.

Principali interpreti:
Rooney Mara, Joaquin Phoenix, Chiwetel Ejiofor, Tahar Rahim, Shira Haas, Charles Babalola, Tawfeek Barhom, Uri Gavriel, Zohar Shtrauss, Hadas Yaron, Tsahi Halevi, Michael Moshonov, Ariane Labed, Sarah-Sofie Boussnina, Ryan Corr, Lubna Azabal, Lior Raz – 120 min. – Gran Bretagna 2018.

Ambientato nella Palestina del I secolo, più precisamente nel 33, anno a cui si fa risalire la crocifissione di Cristo, il film ci racconta la storia di Maria (Rooney Mara), figlia ribelle di una altolocata famiglia ebrea di Magdala che l’aveva destinata al matrimonio contro la sua volontà. La giovane, che per questa ragione era fuggita dalla propria casa, era entrata a far parte dei discepoli di un predicatore, Gesù di Nazareth (Joaquin Phoenix), che con loro, che lo chiamavano Rabbi (Maestro della legge), attraversava terre, deserti e villaggi, con l’obiettivo di raggiungere il tempio di Gerusalemme nella settimana della celebrazione della Pasqua ebraica.
La folla dei seguaci, uomini e donne, si infittiva durante il viaggio, grazie alla semplicità suggestiva di quella predicazione, alla fiducia suscitata da quel messaggio d’amore e di pace e alle guarigioni miracolose con le quali Gesù accompagnava le  parole, conforto e incoraggiamento per le popolazioni di ebrei  smarriti e incerti, dopo che i governatori romani avevano cominciato a perseguitarli per la loro fede monoteistica, creando paure e divisioni.
Maddalena, che era stata la prima donna a seguire il Maestro, aveva la comprensione e il rispetto di tutti, ma soprattutto era prediletta da lui, poiché meglio di altri ne aveva colto l’importanza profetica rivoluzionaria, capace di mutare il cuore degli uomini mitigandone la rabbia e il desiderio di vendetta e di guerra.
Il film, che si vede con piacere, essendo narrato in modo molto asciutto e teso ed essendo (soprattutto) privo di quella retorica compunta a cui l’argomento religioso potrebbe prestarsi, è ricco di altri pregi. Fra questi va ricordata in primo luogo l’ottima prova dei due principali attori, sempre molto controllati e pacati nell’espressione e nell’accettazione del dolore. Molto apprezzabile, poi, il ritratto di Maria Maddalena, donna cosciente di sé, ben decisa a difendere, con dolce fermezza, il messaggio cristiano di cui era diventata convinta mediatrice, nella certezza della sua necessità, così come è molto interessante la rappresentazione degli apostoli, umanissimi nelle incertezze, nelle fragilità e nelle paure; non sempre pronti a cambiare il loro sentire, ancora troppo turbato dai risentimenti, dai rancori o dai ricordi familiari che non avevano del tutto abbandonato per seguire il Maestro: questo (forse) potrebbe non essere accettabile sul piano della dottrina, ma li rende umanamente molto simili a noi, che li vediamo con simpatia fraterna. Bellissima, infine, la fotografia dei volti e del paesaggio, che è quello dell’Italia meridionale, continentale e siciliana, scelta come location dell’intero film.

Una Maddalena insolita, dunque, diversa dall’immagine della prostituta redenta da Gesù Cristo diffusa dalla tradizione cristiano-cattolica, consolidata dal papa Gregorio Magno, che nel calendario liturgico unificò nella sola persona di Santa Maria di Magdala tre presenze femminili del Nuovo Testamento.* Il cinema si era già ripetutamente occupato di lei, attraverso alcune opere famose fra le quali ricordo soltanto L’ultima tentazione di Cristo (1988) di Martin Scorsese, che pur accogliendo, senza mettere in discussione, la decisione di papa Gregorio, aveva introdotto nella sua pellicola alcuni elementi eterodossi, in contrasto con la dottrina ufficiale della Chiesa, ciò che aveva destato violentissime proteste nel mondo cattolico più conservatore e guai infiniti a lui.
Il regista di questo film, invece, pare orientato a una ricostruzione basata sulla tradizione dei Vangeli Apocrifi, fra cui principalmente Il Vangelo di Filippo e il cosiddetto Vangelo di Maria, giunti a noi attraverso frammenti molto lacunosi, che, come i quattro Vangeli canonici, sono principalmente mirati all’interpretazione del messaggio cristiano, piuttosto che alla narrazione storica della vita di Gesù e testimoniano perciò soprattutto le divisioni interne al mondo cristiano dei primi secoli, cui posero fine, come sappiamo, le decisioni dell’imperatore Costantino al termine del concilio di Nicea (325).

———
* Maria di Magdala, Maria di Betania e la Peccatrice senza nome che si era lasciata convincere dalla forza delle parole di Gesù. Da allora Maddalena, ufficialmente, era stata presentata come l’ex peccatrice che per essersi affidata al Cristo, e per averlo seguito fino ai piedi della Croce, era stata santificata.

 

 

Annunci

3 pensieri su “Maria Maddalena

  1. Pingback: 25 indiscrete domande cinematografiche (e 100 indiscrete risposte) – L'ultimo Spettacolo

    • Ai lettori del mio blog
      Quello che segue non è un commento al film, ma la risposta a 25 domande che l’amico blogger Vincenzo mi invia per non spezzare la catena di Sant’Antonio da cui, come altri blogger, è stato travolto. Se qualcuno di voi fosse interessato a rispondere a sua volta, può farlo anche di qui, dopo di me.

      😊

      25 indiscrete domande cinematografiche (e 100 indiscrete risposte) – L’ultimo Spettacolo

      Grazie, Vincenzo.

      Le domande sono queste (in grassetto le mie risposte):

      01. Il personaggio cinematografico che vorresti essere:

      Credo di essere una persona. Non vorrei essere un personaggio

      02. Genere che ami e genere che odi:

      Amo i film ben riusciti, indipendentemente dai generi

      03. Preferisci i film in lingua originale o doppiati

      In lingua originale, ça va sans dire.
      .
      04. L’ultimo film che hai comprato:

      Gli Insospettabili di Mankiewicz

      05. Sei mai andato al cinema da solo?

      06. Cosa ne pensi dei Blu-Ray?

      Nulla, non ce l’ho

      07. Che rapporto hai col 3D?

      Ho avuto rapporti sporadici; non lo immagino nel futuro del cinema

      08. Cosa rende un film uno dei tuoi preferiti?

      deve avermi aiutata a riflettere e contemporaneamente deve avermi emozionata

      09. Preferisci vedere i film da solo o in compagnia?

      La compagnia mi sta bene, se non invade i miei spazi mentali, perché il film lo voglio seguire

      10. Ultimo film visto (al cinema, oppure no):

      Foxtrot. Visto ieri

      11. Un film che fa riflettere:

      Moltissimi. A caso dico: Solaris, Il posto delle fragole, L’uomo che non c’era, El Club e tanti altri….

      12. Un film che fa ridere:

      A qualcuno piace caldo

      13. Un film che fa piangere:

      120 battiti al minuto

      14. Un film orribile:

      per me (s’intende), l’ultimo, deludente film di Akin: Oltre la notte

      15. Un film che non hai visto perché ti sei addormentato:

      Non esiste

      16. Un film che non hai visto perché stavi facendo le “cosacce”:

      che cosa sono le cosacce?

      17. Il film più lungo che hai visto:

      Novecento di Bertolucci

      18. Un film che ti ha deluso:

      La Tenerezza di Gianni Amelio

      19. Un film che sai a memoria:

      La presa del potere di Luigi Xiv di Rossellini

      20. Un film che hai visto al cinema perché ti hanno trascinato:

      In genere non mi facco trascinare; semmai trascino!

      21. Il film più bello tratto da un libro

      Lolita di Kubrick

      22. Il film più datato che hai visto

      L’Atalante di Jean Vigo

      23. Miglior Colonna Sonora:

      quella di Barry Lyndon

      24. Miglior Saga:

      Non saprei, non ne vedo molte.

      25. Miglior Remake:

      Di solito sono meno interessanti degli originali: li evito con cura!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.