A casa nostra


recensione del film:
A CASA NOSTRA

Titolo originale:
Chez nous

Regia:
Lucas Belvaux

Principali interpreti:
Émilie Dequenne, André Dussollier, Guillaume Gouix, Catherine Jacob, Anne Marivin, Patrick Descamps, Charlotte Talpaert, Mateo Debaets, Evelyne El Garby Klaï – 117 min. – Francia, Belgio 2017.

Pas son genre, arrivato in Italia nel 2015 col grottesco titolo Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull’amore, era un buon film di Lucas Belvaux del 2014, il ritratto di una bella parrucchiera di Arras che si era innamorata dell’uomo sbagliato e che, avendone preso atto, aveva deciso, fra molte sofferenze, di chiudere la sua storia con lui.
A casa nostra (che correttamente traduce il titolo originale Chez nous), dello stesso regista, in apparenza non si discosta molto dal film precedente: anche se non è Arras, è pur sempre la provincia profonda della Francia settentrionale il teatro delle vicende della protagonista Pauline, che non fa la parrucchiera, ma l’infermiera a domicilio, si innamora dell’uomo sbagliato, e per di più ha il volto della stessa attrice: Émilie Dequenne. Questo film, tuttavia, non è la seconda puntata del precedente, poiché le vicende amorose e familiari della graziosa Pauline si collocano nel contesto esplicitamente politico della Francia alla vigilia di quest’ultima tornata elettorale, quella che ha visto protagonista il Front National di Marine Le Pen. Il regista, qui è la novità del film, pur presentandoci la difficile condizione delle famiglie per lo più operaie che stanno pagando il prezzo della de-industrializzazione, non si ferma al dato sociologico, ma ci racconta come la destra francese più radicale abbia cercato di inserirsi nella crisi ripulendo la propria immagine violenta e razzista grazie alla candidatura di persone per bene, magari un po’ ingenue come Pauline, nelle elezioni locali, per rendersi popolare e presentabile agli occhi degli elettori. Nel film Marine non si chiama Marine, bensì Agnès (Catherine Jacob); il Front non si chiama Front, bensì Bloc, ma i personaggi sono perfettamente riconoscibili, non solo per la somiglianza dell’aspetto e dei modi, ma per i discorsi che nascondono, sotto le mentite spoglie di un senso comune accettabile per molti, i vecchi veleni di un razzismo che non è mai scomparso del tutto. Il regista mette in evidenza, attraverso il racconto doloroso dell’avventura di Pauline, le ragioni per cui certe operazioni di maquillage siano strumentali a un disegno feroce di cui pochi conoscono esattamente i contorni, ma che ha sicuramente nel passato nazista il suo riferimento e ci dice anche per quale motivo ogni ripulitura sia impossibile, quando troppi scheletri nell’armadio diventano facile strumento di ricatto.

Il film è costruito bene e, pur presentando alcuni evidenti squilibri, si lascia seguire con interesse, sia perché le preoccupazioni politiche per le sorti della Francia sono le preoccupazioni di tutti i democratici, sia perché i personaggi sono credibili, ben disegnati e ben interpretati, dalla Dequenne, ai personaggi maschili di André Dussollier (il medico che, con la faccia pulita e i modi gentili, è l’anima nera che ha organizzato la candidatura a sindaco di Pauline), di Guillaume Gouix (l’innamorato sbagliato di Pauline, il neonazista che non le ha detto la verità) e di Patrick Descamps, il padre di Pauline, comunista e sindacalista duro e puro amareggiato e incredulo per le scelte politiche della figlia, a cui evidentemente non aveva saputo comunicare credibilmente i propri valori.

Naturalmente non vi dico come finisce, ma vi invito a vedere questo film.

 

Annunci

9 pensieri su “A casa nostra

    • Attuale e molto interessante. Ho visto che oggi il cinema Classico di Torino, ovvero Movies Inspired, ha una programmazione diversa, ma riprenderà a proiettarlo lunedì e martedì. Di Roma non so nulla, ma non è escluso che riprenda anche lì. Molto interessante, almeno secondo me, che il film sia così apertamente politico e non si limiti al piagnisteo sociologico che è quanto mai visto e risaputo e che sopporto sempre meno! Grazie del commento, Teresa!

      Mi piace

  1. Metto anche questo film nella lista, in base alle tue indicazioni. Mi interessa molto. Non so se lo trovo a Verona, la ricerca non mi rimanda a niente se non a ‘padroni a casa nostra’, slogan leghista. Dal che se ne deduce, se mai ci fosse bisogno, che il tema è lo stesso, dalla Francia all’Italia.

    Liked by 1 persona

    • Lo slogan è simile; il tema è lo stesso. In Francia mi sembra di scorgere una pericolosità molto grande, perché l’impressione è che siano ancora ben organizzati i neonazisti che lavorano clandestinamente nella nostalgia della Repubblica di Vichy, ma non escludo che la realtà nostrana sia altrettanto pericolosa. Non conosco la situazione del Nord Est nostrano: certo non c’è da star tranquilli. Grazie di questo commento, Gina. 🙂

      Liked by 1 persona

  2. Dunque, laulilla, per me è andata così. Due settimane fa questo film era proiettato in prima visione in un cinema parrocchiale vicino a casa. Due concidenze negative mi hanno impedito di vederlo. In primo luogo, la pagina locale, sezione ” Trame”, di un quotidiano assai ” quotato” indicava quel film come quello della Comencini, con titolo omonimo del 2006! In secondo luogo, la newsletter del cinema, a cui sono abbonata, per un intoppo informatico, mi è arrivata a …spettacoli conclusi. Le mie rimostranze hanno ottenuto sì le scuse ma … non il film che mi sarebbe piaciuto tanto vedere! Mi pare, poi, che non sia più in programmazione da nessuna parte. Grazie della bella recensione.

    Liked by 1 persona

    • Renza, potrebbe ritornare anche da voi! Qui ho visto che riprenderà e durerà almeno fino alla fine della settimana. Poi probabilmente uscirà il DVD: i film interessanti, in Italia, si vedono davvero per miracolo! Anche Certain Women (l’ho recensito immediatamente prima di questo) è un film di straordinaria qualità, che andrebbe visto da tutti, ma purtroppo, dopo qualche voce che all’inizio dell’anno lo dava come probabile presenza in Italia, ora non se ne parla più. a parte qualche rara proiezione al museo del Cinema di Torino (Cinema Massimo). Vorrei capire a chi serve una simile miopia distributiva! Al cinema, sicuramente, no! Ciao e grazie, carissima! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...