Le cose che verranno (L’avenir)

è uscito nelle nostre sale.

La mia recensione, del dicembre scorso, è QUI

Annunci

6 pensieri su “

  1. Gran bel film, anche questo di ampia interpretazione. Libertà o solitudine della protagonista? E quali saranno le cose che verranno : la sedia vuota o il nipotino? Escobar, nel Domenicale di ieri, ipotizza una drastica lettura del tutto. In ogni caso, si guarda con emozione e trasporto a questa donna che vive dei suoi libri e spesso si ha l’ impressione di sovrapposizione con Elle, anche se qui la protagonista esprime spesso con lacrime non lacrimevoli il suo dolore. Ciao, Laulilla.

    Piace a 1 persona

    • Film davvero splendido; sono più che d’accordo sull’ampia gamma delle interpretazioni possibili. Non credo che il futuro si possa immaginare con facilità. Secondo me, ma vale solo per me, pronta a ricredermi, il suo futuro è fatto di tante possibili opzioni fra le quali Nathalie sceglierà di volta in volta. Bisognerebbe, inoltre, valutare il “peso” di Levinas, il “suo” autore, sicuramente imprescindibile. Grazie come sempre dell’attenzione! 🙂

      Mi piace

      • Già, Nathalie legge ” La mort” … Faccio mia, perchè mi sembra uno sguardo fiducioso sull’ avvenire, la tua ipotesi sul futuro di questa donna, che volta sempre pagina, quasi applicando il Manuale di Epitteto ( memoria scolastica dalla traduzione di Leopardi : ” Se ami una pentola, una donna, un bambino, ricordati che è della pentola rompersi e del bambino e della donna morire”). Mi è piaciuto molto il congedo dal suo studente ( e per fortuna che la regista non è caduta nella banalità della storia d’ amore tra i due, considerando il risultato di Macron, poi…), gli occhi del giovane , che guardano assorti e pensosi. E ‘ un piacere conversare di film con te, Laulilla. Non è facile trovare un blog dove si parli con pacatezza e profondità e anche originalità come il tuo. Quindi, grazie a te!

        Piace a 1 persona

        • Sì, la banalità era dietro l’angolo, ma la regista è una che sa resistere bene! Sulla figura di Fabien non ho parlato a lungo, perché quando do al film un’impostazione, mi vedo costretta (dalla mia maniacale aspirazione alla sintesi) a sacrificare altri promettenti percorsi. Posso dire che, avendo rivisto il film in lingua italiana (ahimè), ho trovato conferma di quel che mi era apparso già al primo impatto: è un giovane intelligente, ma non privo di un certo opportunismo, di cui Nathalie prende pienamente coscienza durante l’ultima visita, quando ha modo di constatare che le pressioni editoriali che erano state fatte a lei, senza successo, erano state accolte da lui, che ora mostra le ultime pubblicazioni tutte colorate e infiocchettate, alla faccia della coerenza fra il pensare e l’agire! Per questo penso che il suo futuro sarà deciso di volta in volta, coll’aiuto di quella perenne fonte di orientamento che era stata per lei la meditazione sui testi filosofici che ama e che l’avevano in ogni occasione aiutata a vivere. Ciao, carissima, e grazie davvero.

          Mi piace

          • Pensa che non avevo colto con la giusta importanza il punto di cui parli. Un po’ perchè ho visto il film una volta sola e un po’ perchè non ho il tuo sguardo accorto. Ecco quindi l’ importanza di questo blog che permette di ritornare e rimeditare e di non cadere nell’ impressionismo. Dunque, lo sguardo di Fabien raccolto nello specchietto retrovisore cosa cela? Rimpianto o indifferenza? Chissà, meglio lasciare nel vago su cui ritornare di tanto in tanto. Ciao, laulilla.

            Piace a 1 persona

            • Non so che cosa celi lo sguardo del giovanotto. Forse è meglio lasciarlo così, nel vago. Forse cela solo il suo pragmatismo, forse prende atto della reale impossibilità, oggi, di far coincidere sogni e presente. Per lei, però, i tempi e soprattutto gli spazi della vita si stanno velocemente stringendo! È culturalmente attrezzata per affrontare in piena autonomia e senza compromessi “quel che le resta del giorno”. Ciao!

              Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.