Fuocoammare


Schermata 2016-02-22 alle 22.46.53
recensione del film.

FUOCOAMMARE

Regia:
Gianfranco Rosi

Documentario

durata: 107 min. – Italia, Francia 2016.

 

 

Film eccitante e originale; la giuria è stata travolta dalla compassione. Un film che mette insieme arte e politica e tante sfumature. È esattamente quel che significa arte nel modo in cui lo intende la Berlinale. Un libero racconto e immagini di verità che ci racconta quello che succede oggi. Un film urgente, visionario, necessario” Sono state queste le motivazioni per le quali la giuria ha assegnato a Gianfranco Rosi l’ambito Orso d’oro alla Berlinale, presieduta da Meryl Streep che le ha lette facendole proprie.

Chi si aspetta di vedere, grazie a questo film, un’inchiesta a tinte forti sugli sbarchi degli emigrati africani a Lampedusa sappia che quest’ultima fatica di Rosi non lo è: egli non è un giornalista, ma un regista che si esprime in modo molto personale, come aveva fatto nel precedente Sacro GRA, attraverso il racconto cinematografico. Fatti e persone, anche questa volta, appartengono alla realtà di un luogo, in questo caso alla realtà dell’isola della quale egli stesso aveva fatto parte per un intero anno della propria vita, full immersion trascorsa osservando e ascoltando con umana simpatia e occhi attenti i comportamenti di chi, vivendo circondato dal Mediterraneo, sa da sempre che da quel mare arriva la vita come la morte, che adattarsi (“farsi lo stomaco“) ai suoi capricci è la condizione per sopravvivere, che accogliere è per chi abita in quei luoghi una legge indiscutibile. Se il mare è lo sfondo sempre presente del film, l’ascolto e lo sguardo sono i temi intorno ai quali le vicende narrate si sviluppano, mentre il medico Pietro Bartòlo, il piccolo Samuele Puccilli e il musicista Pippo Fragapane sono le persone che recitando se stesse, determinano, con il proprio vissuto quotidiano, l’esile trama di questo documentario.
Pietro è il medico, davvero il più umano degli uomini: egli sa ascoltare, sa guardare e sa anche partecipare, con la sua compassione, al dolore di tutti, anche di chi arriva dal mare spaventato, smarrito, malato o piagato dalla nafta: mai rassegnato alla morte dei troppi che non ce l’hanno fatta, giovani vite spezzate insieme al bagaglio dei sogni e delle speranze che non si sono realizzate, Pietro aggiunge frustrazione al dolore impotente di chi teme di essere arrivato troppo tardi.
Samuele, invece, è un ragazzino che fa la seconda media. La sua passione per la caccia agli uccellini, assecondata da un’infallibile mira, lo rende imbattibile nel tiro con la fionda, sempre più preciso; il suo occhio sinistro, però, chiuso per mirare sparando nel mucchio degli uccelli in volo, si sta impigrendo un po’ troppo e, per volere dell’oculista, viene stimolato a riprendere le sue funzioni bendando temporaneamente l’occhio sano. Avviene così che, con un occhio bendato e senza fionda, una sera, aggirandosi in un bosco e imbattendosi in un inatteso passerotto che aveva perso lo stormo,  egli comprenda per la prima volta, vedendola da vicino, la paura, lo smarrimento, la fragilità della creatura indifesa: non è ancora guarito, ma sta imparando a guardare!

La musica col suo messaggio universale percorre il film dall’inizio alla fine: è il rap che un giovane nigeriano intona sulle parole di un “gospel“; è lo stupendo coro “Dal tuo stellato soglio“, dal Mosé in Egitto di Rossini, con la sua invocazione al Signore (Pietà dei figli tuoi!), che ci prepara all’impatto doloroso  con i morti del mare, che, con molto pudore, il regista propone al nostro sguardo, attraverso una ripresa d’insieme, che richiama alla mente un antico dipinto; è, infine, Fuocoammare, celebre pezzo della tradizione musicale della zona  che Giuseppe Fragapane, Pippo, valoroso musicista, ha arrangiato e che propone ai propri ascoltatori. Pippo è infatti il diskjockey di una locale radio. Addetto agli ascolti, dunque, ma ascoltatore egli stesso, non solo di musica: dalla solitudine della propria postazione di lavoro, egli presta ascolto attento alle richieste di chi cerca nella musica un po’ di compagnia, soprattutto ai desideri di molte donne che rimangono in casa in attesa che il marito se ne arrivi con la pesca del giorno, oppure a chi cerca la musica giusta per dire le parole d’amore che non si ha il coraggio di esprimere con la propria voce al compagno di sempre, nonostante la lunga condivisone nel corso degli anni.  Un coro di attori popolari ruota intorno intorno ai tre personaggi principali,  ma tutti sono veri, di un’autenticità semplice e antica, tutti sono speciali, persone fuori dal comune!

I lettori interessati troveranno qui  gli appunti del regista, che dopo qualche tempo dal suo arrivo a Lampedusa, stava organizzando il progetto del film.

6 pensieri su “Fuocoammare

  1. Non ho ancora visto questo film, ma spero che sia più bello di “Sacro GRA”, che sinceramente mi ha abbastanza deluso. Come abbia fatto il secondo a vincere il Leone d’oro, per me, rimane un mistero.

    Mi piace

    • A me era piaciuto il modo originale del racconto che riusciva a metaforizzare il semplice documentario: qui si sviluppa certamente con una capacità di coinvolgimento superiore, anche perché, pur non essendo un’inchiesta, il collegamento con le tragedie quotidiane viene spontaneo. Ciao e grazie del commento.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...