Bella e perduta


Schermata 2015-11-26 alle 15.16.16recensione del film:
BELLA E PERDUTA

Regia:
Pietro Marcello

Principali interpreti:
Sergio Vitolo, Gesuino Pittalis, Tommaso Cestrone, Elio Germano – 86 min. – Italia 2015

E’ finalmente nelle nostre sale questo singolare lavoro di Pietro Marcello, molto atteso sia per la curiosità stimolata dalle immagini bellissime che ogni tanto comparivano sugli schermi nel trailer di presentazione del film, ben accolto al festival di  Locarno e successivamente a quello di Torino, sia per la buona fama del regista, fra i più apprezzati del cinema italiano più innovativo, che ha nel proprio curriculum, anche un bel film come La bocca del lupo, che trova il proprio  nucleo narrativo in un angolo di Genova, bello e perduto, come i due poveri amanti che vi abitavano.

E’, questa volta, la reggia di Carditello, nel casertano, la vittima irrimediabilmente depredata della propria bellezza, prostrata dall’arroganza e dall’avidità delle pretese camorristiche, di fronte alle quali non si era piegato Tommaso (Tommaso Cestrone), il volontario custode che, con sacrificio personale e fra intimidazioni di ogni tipo, aveva cercato di preservare quella meravigliosa costruzione da ulteriore scempio, restituendole un po’ di decoro e di dignità, persino quando il fumo acre dei roghi dell’immondizia e dei copertoni delle auto, incendiati a pochi metri, avevano reso irrespirabile l’aria anche al suo interno. Per questa sua resistenza e per la sua tenacia egli era diventato, nell’immaginario popolare, l’Angelo di Carditello.
Nelle intenzioni del regista, con la guida di Tommaso, sulle tracce del Viaggio in Italia di Guido Piovene, avrebbe dovuto svolgersi una sorta di Grand Tour, alla ricerca di ciò che rimaneva di un’Italia a sua volta perduta, oltraggiata dalla pseudo-cultura senz’anima che impronta di sé il nostro presente. Non era andata, però, in questo modo, perché la morte di Tommaso, imprevedibile a soli 47 anni, aveva obbligato Pietro Marcello a mutare l’impianto complessivo del suo lavoro, affidando il viaggio alla maschera di Pulcinella (Sergio Vitolo), che si sarebbe mosso, interpretando la volontà del defunto, in compagnia di Sarchiapone, il piccolo bufalo che Tommaso davvero stava allevando all’interno della reggia, dedicandogli tempo, amore e cure. Il film, dunque, si svolge introducendo l’elemento fiabesco della maschera popolare e dell’animale che parla (con la voce di Elio Germano) secondo un percorso narrativo non privo di ampi squarci poetici dai quali emerge la weltanschauung del regista, interessato, come nel film precedente, alla rappresentazione degli uomini più umili, degli ultimi, nei cui cuori trovano ancora spazio i più profondi valori umani della solidarietà e dell’accoglienza attenta alla vita di tutte le creature.

Il film, forse proprio in seguito al cambiamento di prospettiva rispetto al progetto iniziale, affianca alla rappresentazione realistico-documentaristica ricca di elementi simbolici, aspetti allegorici interessanti ma meno coinvolgenti, il che lascia in alcuni spettatori (anche in me) l’impressione che nel suo insieme sia poco risolto, e che proceda in modo accidentato, per frammenti, che, pur pregevoli separatamente considerati, non trovino quell’unità formale che lo renderebbe molto più convincente. Peccato!

6 pensieri su “Bella e perduta

  1. Sono d’accordo con la tua recensione, tranne il “Peccato”. Anche se io penso, come te, che abbia qualcosa di irrisolto l’ho visto con attenzione e piacere per la bella fotografia e la dolcezza del racconto

    Mi piace

    • La fotografia è bellissima: credo che sia l’effetto del tournage interamente su pellicola che viene giustamente rivendicato dal regista come un merito. Da tempo, infatti, non si vedeva una fotografia così definita e limpida, sugli schermi. Quanto alla dolcezza del racconto a me sembra che questa riveli il limite del film. C’è, a tratti, molta poesia, come ho scritto; l’irresolutezza formale, purtroppo, talvolta lascia emergere un po’ di retorica ingenua: la natura è buona, ma gli uomini sono cattivi? Mi aspettavo un film pienamente convincente, come il precedente La bocca del lupo. Così non è stato. Peccato, lo ribadisco.🙂

      Mi piace

  2. Che bella bella recensione! Bella davvero.
    Tu sai far parlare la testa e il “cuore” in eguale misura.
    Questo mi affascina.
    E trascini chi ti legge a voler cogliere il film di cui tu parli.

    Cara, sono in un periodo un po’ particolare.
    Ecco perché non sempre ce la faccio a vedere i film che tu consigli.
    Si sistemerà tutto e… ti dirò le mie sensazioni.
    Spero presto.
    Ho amato tanto “La bocca del lupo”.

    Ti ho simpaticamente “incontrato” anche da Claudio Marcello Capriolo nella sua casa di musica.

    Grazie, cara.
    Complimenti.
    Buona notte e sogni belli
    Un sorriso vero per te
    gb

    Liked by 1 persona

    • Ti ringrazio, cara Gelso. I film mi mettono in moto il cervello, oltre che il cuore, che, come si sa, ha le sue ragioni, che la ragione non conosce. Il problema, non solo per i film, però, è trovare l’equilibrio fra questi due aspetti dell’animo umano. Tendenzialmente la razionalità mi sembra che in me prevalga: se si tratta poi di analizzare un film o un’opera che ha a che vedere con l’arte, ritengo che sia giusto un atteggiamento un po’ asettico, che è l’unico che mi permette di vedere chiaro nelle mie sensazioni.
      Claudio è molto bravo, così come Krausmario, a trasmettere la passione per la musica, ed è un piacere averli incontrati in questo mondo variegato del web. Mi troverai spesso da loro. Ti auguro davvero di sistemare i tuoi problemi presto. Un abbraccio.🙂

      Mi piace

      • Grazie, cara.
        Poi ti rispondo meglio.
        Ora sono un po’ di fretta.
        Tu sai usare mente e “cuore” in misura giusta.

        Io ho una passione grande, grande grande, per la musica.
        Mi piace molto incontrarti anche da Claudio.
        🙂
        gb

        Liked by 1 persona

        • Ciao, Gelso. La musica piace molto anche a me, ma la mia passione è un po’ da autodidatta, perché non l’ho mai studiata in modo organico. Se trovo un buon blog che me la faccia gustare, aiutandomi a ridurre in qualche misura la mia ignoranza profonda, me lo segno subito fra i preferiti e lo seguo sicuramente. Perciò, credo che i nostri incontri da Claudio dureranno nel tempo. Buona notte, cara.🙂

          Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...