Much Loved


Schermata 2015-10-08 alle 20.59.28recensione del film:
MUCH LOVED

Regia:
Nabil Ayouch

Principali interpreti:
Loubna Abidar, Asmaa Lazrak, Halima Karaouane, Sara Elmhamdi Elalaoui – 104′- Marocco 2015.

Il film in Italia è vietato ai minori di 14 anni.

L’animazione delle notti e dei bordelli di Marrakesh non sarebbe neppure immaginabile se non coesistessero su questo nostro pianeta persone che godono di enormi ricchezze e altre che vivono nella più profonda povertà, ma che tra le briciole di quelle ricchezze cercano il loro impossibile riscatto umano e sociale. E’ quanto accade in questo film alle protagoniste Noha, Randa e Soukaina *, tre belle ragazze, gioiose e vivaci, che si mantengono grazie alle discrete somme di denaro che guadagnano prostituendosi, di notte, in quella città. Come tutte le giovani donne, anch’esse coltivano sogni e speranze per il futuro: sono convinte che i guadagni di oggi renderanno più facile il loro sistemarsi, domani, in terra di Spagna, dove nessuno le conosce e dove ogni donna è libera e gode del generale rispetto che tocca a ogni essere umano. Per ora, esse vendono il proprio corpo presso una casa di appuntamenti di buon livello, la cui clientela saudita è trattata con ogni riguardo, essendo costituita da sceicchi molto più ricchi e molto più potenti degli uomini d’affari europei o americani, ma anche molto esigenti nelle pretese: essi, infatti, cercano ragazze belle e disinvolte, che sappiano parlare e ascoltarli con dolce sottomissione, che sappiano danzare per loro, e, naturalmente, soddisfare ogni loro richiesta, per quanto impegnativa e stravagante. Il film lascia emergere tutta la crudeltà dello spietato esercizio di potere assoluto maschile nei confronti di queste giovani donne, trattate come animali da sfruttare fino allo sfinimento o come giocattoli erotici da usare e gettare: il possesso del denaro autorizza qualsiasi offesa, qualsiasi abuso, qualsiasi violenza. Nella società di Marrakesh, città tra le più ricche del Marocco, d’altra parte, la prostituzione (femminile o transessuale, presente nel film), pur contribuendo non poco allo sviluppo dell’economia cittadina, è fortemente stigmatizzata e circondata da universale disprezzo, ciò che permette a tutti di infierire sulle prostitute con arroganza insolente: così la famiglia di Noha, che, pure, da quell’attività trae benessere e sostentamento; così il poliziotto corrotto che approfitta della sua posizione di potere per minacciare e ricattare la donna, umiliandola, stuprandola, e costringendola al silenzio. Il film si trasforma a poco a poco in una denuncia molto dura non solo del potere maschile, ma di quell’ambiente profondamente ipocrita, dominato dal perbenismo di facciata, in cui la legge non è uguale per tutti. La parte più interessante e bella del film è l’affettuosa solidarietà fra le donne, rassegnate a subire non senza rabbia e ad accettare silenziosamente angherie e soprusi, che si aiutano e si soccorrono vicendevolmente, ridendosela, spesso per farsi coraggio, degli stravaganti ricconi sauditi e delle loro assurde richieste. Su di loro veglia affettuosamente Said, il fedele servitore e autista, unico personaggio maschile che, disinteressatamente, ne riconosca la dignità umana, proteggendole con grande docezza e amandole davvero.

Questo film, presentato con successo al festival di Cannes nella Quinzaine, ha subito pesantissimi attacchi da parte del governo marocchino, che ne ha vietato la distribuzione in tutto il paese, mentre la magistratura sta intentando processi per oscenità contro Loubna Abidar, la bravissima attrice che interpreta la parte di Noha. Il film, molto interessante in ogni caso, non fosse che per questa persecuzione censoria del tutto ingiustificata, merita di essere visto. L’oscenità è, come ho detto all’inizio, nella enorme sproporzione fra i ricchi e i poveri del mondo, non nei discorsi delle donne (non sicuramente da educande: lo impedisce la verosimiglianza, credo!) e neppure nelle vicende che vi si rappresentano, mai disgiunte dalle sofferenze di chi le subisce.

_____________

*accoglieranno più tardi, nella loro abitazione, Hilma, giovanissima ragazza incinta, appena giunta in città.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...