Le regole del caos


Schermata 2015-06-04 alle 21.59.45recensione del film:
LE REGOLE DEL CAOS

Titolo originale:
A little Chaos

Regia:
Alan Rickman

Principali interpreti:
Kate Winslet, Matthias Schoenaerts, Alan Rickman, Stanley Tucci, Helen McCrory, Steven Waddington, Jennifer Ehle, Adrian Schiller, Danny Webb, Pauline Moran, Morgan Watkins, Henry Garrett – 112 min. – Gran Bretagna 2014.

E’ un elegante film in costume, non privo di spunti interessanti, questo lavoro del regista-attore inglese Alan Rickman, che ricostruisce con accuratezza e attendibilità storica le vicende che portarono  alla sistemazione complessiva dei giardini della reggia di Versailles, affidati all’architetto André Le Notre (nel film diligentemente interpretato da Matthias Schoenaerts), uomo di fiducia di Luigi XIV. La vastità dello spazio da sistemare,  secondo lo schema che sarebbe diventato in seguito quello del giardino alla francese, privo di terrazzamenti e organizzato in modo da consentirne una prospettica e razionale visione d’insieme con fontane, aiuole, padiglioni, sculture corsi d’acqua e colori (le sabbie utilizzate nei parterres de broderie), richiese la collaborazione dei migliori giardinieri paesaggisti dell’epoca che, sotto la direzione di Le Notre, impegnarono la loro esperienza e la loro creatività per realizzare quegli spazi esterni alla reggia di grande importanza nel progetto di organizzazione del consenso della nobiltà intorno all’assolutismo del sovrano. Si trattava, infatti, degli spazi per le feste, i banchetti, le danze… Per allestire una pista riservata al ballo vinse la gara una paesaggista dell’epoca, la bella Sabine de Barra (nel film ottimamente interpretata da Kate Winslet), giovane donna, vedova in seguito a un incidente di carrozza in cui aveva perso il marito e la figlioletta. Ora Sabine si presentava al severo giudizio dell’architetto Le Notre, speranzosa di suscitarne l’interesse con un innovativo progetto, forse anche un po’ scandaloso per l’epoca, tanto era lontano dal classicismo razionalistico degli altri manufatti: un anfiteatro, immerso nel bosco circostante, di pietre e conchiglie, le rocailles, i cui gradini erano resi scintillanti dal gioco delle luci provocato dallo scorrere dell’acqua a circuito chiuso. Uno dei luoghi più suggestivi di quei meravigliosi giardini, Le Bosquet des Rocailles, dunque, nasceva grazie al lavoro difficile di una donna fantasiosa che avrebbe imposto con determinazione il suo punto di vista  “irregolare”, non solo a Le Notre, ma anche al diffidente Luigi XIV.

Il film, però, non ci racconta solo questo, ma ci parla anche della relazione amorosa fra André Le Notre e Sabine, delle gelosie della moglie di lui, dei suoi agguati contro la rivale: un po’ di pettegolezzi, insomma, conditi con qualche scena melò, che non intaccano però il valore storico del film, l’eleganza dei suoi colori, la sobrietà della narrazione, di cui è quasi emblematico anche il fastidio per gli orpelli e le parrucche, che sovrano e cortigiani si levano appena possibile.

4 pensieri su “Le regole del caos

  1. film veramente gradevole (adesso mi tocca recensirlo…)
    descrive una situazione poco francese (almeno in quel secolo sarebbe stato impossibile per una donna NON nobile esporre il suo punto di vista); ma in Inghilterra (dove è stato girato questo film) è diverso… loro hanno avuto donne eccezionali, dalla regina Elisabetta I a Jane Austen, dalle sorelle Bronte a Florence Nightingale che hanno saputo farsi rispettare

    Liked by 1 persona

    • Eppure, a quanto ne so, pare che le cose siano andate davvero così! Ci sarà certamente un po’ di esagerazione, soprattutto nei dialoghi, ma guarda che anche la Francia ha avuto donne con ruoli importanti da Caterina a Maria de’ Medici che hanno esercitato le funzioni regali (l’ultima, poi, con alterna fortuna, nei primi decenni del 1600, cioè fino a poco prima della nascita di Luigi XIV). Condivido il giudizio sulla gradevolezza della pellicola! Grazie del commento!🙂

      P. S. Come aveva spiegato benissimo Rossellini (nel capolavoro introvabile, ormai, La presa del potere di Luigi XIV) Versailles era nata in funzione anti-frondista e antinobiliare; lo stesso ministro delle finanze Colbert non era nobile:

      Mi piace

      • insisto su quanto ho detto: nella Francia di allora una donna poteva contare qualcosa solo se era la moglie o l’amante del re
        ma per il pubblico di oggi (nell’epoca di M. Thatcher, Hillary Clinton e Christine Lagarde) non c’è niente di strano che una donna possa parlare da pari a pari con gli alti papaveri dell’altro sesso
        meglio così, no?

        Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...