“e il gelo del cuore si sfa” – Montale – (Un sapore di ruggine e ossa)


recensione del film:

UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA

Titolo originale:

De rouille et d’os

Regia:
Jacques Audiard

Principali interpreti:
Marion Cotillard, Matthias Schoenaerts, Armand Verdure, Céline Sallette, Corinne Masiero.  Bouli Lanners, Jean-Michel Correia, Mourad Frarema.

– 120 min. – Belgio, Francia 2012.

Come nel film precedente di Audiard, Il Profeta, il regista ci introduce nel pieno della vicenda (in medias res) senza dirci nulla della storia dei due personaggi principali, il passato dei quali non conosciamo. Sappiamo però che lui, Alì, (Matthias Schoenaerts) è padre di un bellissimo bambino di cinque anni, del quale non si è mai troppo curato, e che lei, Stephanie (Marion Cotillard) convive con un compagno prepotente e possessivo. Alì ha dovuto improvvisamente occuparsi del piccolo, poiché la madre, stufa di far tutto da sola, l’ha lasciato a lui: li incontriamo mentre arrivano in Costa Azzurra, dove Anna, sorella di lui (Corinne Masiero), è disposta ad accoglierli entrambi nel suo alloggio di periferia di una città balneare,che potrebbe essere Antibes, ma, che, in ogni caso, è poco riconoscibile, perché altro non ci viene mostrato che una squallidissima banlieu di anonime case, di gru e di cantieri. Lì, Alì cerca e trova un lavoro da buttafuori presso un locale notturno, dove, appunto, conoscerà lei, essendo costretto a difenderla dai maschi che, vedendola sola, la ritengono, perciò stesso, disponibile. Alì è sempre molto efficiente in queste operazioni: saprà magari fare poche cose, ma a  botte è bravissimo: ha per il proprio corpo le cure attente che non ha mai avuto per il figlio, d’altra parte il corpo gli dà da vivere!

Anche Stephanie vive del proprio corpo, ma non come credono molti suoi importuni ammiratori: la sua scattante agilità e un costante allenamento le permettono di esibirsi all’acquario della città dove addestra alcune orche marine che obbediscono ai suoi cenni e ai suoi ordini con una grande levità ed eleganza. Il lavoro, rischiosissimo, le piace, perché adora essere ammirata e applaudita, ma sarà proprio il suo corpo a fare le spese dell’improvviso imbizzarrirsi di un’orca che le troncherà le gambe. Stephanie, così dolorosamente colpita, cercherà Alì, che si era eclissato rapidamente (l’aveva saputo dalla TV), non diversamente dal suo aggressivo ex fidanzato. Egli, però, adesso, si farà carico di aiutarla offrendole qualche passeggiata, qualche bagno in mare,  nonché un po’ di sesso, purché lei lo voglia e glielo chieda esplicitamente, con un segnale convenuto, via sms. Il giovanotto dà per scontato che le cose debbano avvenire entro determinati limiti, e che perciò i loro rapporti non debbano oltrepassare un’affettuosa e occasionale fisicità, senza alcuna implicazione sentimentale: ha altro a cui pensare, poiché deve allenarsi, ora, anche per accettare le sfide di molti energumeni che danno vita a un mondo di scommettitori clandestini, mentre bellissime donne lo corteggiano, attratte dai suoi muscoli e dai soldi che nel frattempo si sono moltiplicati. Il suo cuore, però, diventa sempre più gelido e sempre più lontano da lei, dai suoi parenti e dal bambino. In questa luce, acquista un potente valore simbolico l’episodio decisivo del film: quello del salvataggio in extremis del figlioletto, che sta per soffocare sotto la crosta del  ghiaccio che l’ha inghiottito e che Alì riuscirà a rompere, con la forza della disperazione, mentre si scioglierà a poco a poco quella sua durezza e quell’insensibilità da incassatore di colpi, così ben raccontata nel corso del film. Anche Stephanie, dunque, troverà finalmente, in quel suo nuovo cuore, il posto che ha tanto desiderato, ricevendo una difficilissima e inattesa dichiarazione d’amore, molto emozionante. Bellissimo film  che si snoda con perfetto equilibrio, mantenendosi dentro un’ elegante e nitida narrazione, che mai indulge al patetismo o a quella che si può chiamare “pornografia del dolore”. Il dolore è nel mutare impercettibile dello sguardo di Stephanie, attrice di inarrivabile bravura, o nell’espressività del bambino, che a poco a poco regredisce nel gelato liquido amniotico di quella pozza d’acqua in cui assume, oltre alla posizione fetale, anche l’aspetto tenero e indifeso del feto che a occhi chiusi attende di nascere a nuova vita.

P.S: La citazione da Montale è tratta dalla lirica I limoni    v.46

13 pensieri su ““e il gelo del cuore si sfa” – Montale – (Un sapore di ruggine e ossa)

  1. magnifica descrizione Laulilla, dici proprio tutto, come sempre riesci a fare, analiticamente e ordinatamente. Mi piace la “nuova nascita” che vedi nel bambino prima sotto e dopo sopra la superficie gelata del lago. A me invece, scrivendo, piace perdermi nelle sensazioni che mi restano e non riuscirei mai ad essere così ordinato. Così è … “se ci pare”, a Como dicono “cent co cent crap”, le ricchezze diverse delle persone, penso che il mondo progredisca per le mille diversità. Buona domenica!

    Mi piace

  2. Grazie. Ti dirò che non mi è sembrato né freddo, né poco coinvolgente, come mi sembra abbia trovato tu, anzi, nel cinema, gremito, di ieri pomeriggio, ho sentito davvero come poche altre volte una partecipazione collettiva molto intensa, che si è anche manifestata con le impressioni che ho raccolto qua e là all’uscita! Buona domenica anche a te, ciao!

    Mi piace

  3. Sono d’accordo quasi su tutto. Io vedo la rinascita di lui, del figlio e del rapporto con la giovane non tanto nella gelida acqua del lago nordico quanto nel gesto di rottura con la sua famiglia quando, dopo essere rientrato tardi ( per una scopata in giro) la sorella lo caccia e lui inizia nella scuola di pugilato una vita più regolata. Da lì poi il riavvicinamento…. complice, per fortuna, il mancato annegamento del figlio.

    Mi piace

    • Finalmente ho ricevuto! Per me la gelida acqua del lago è una bella metafora che indica il gelo del cuore di lui che si è allontanato da tutti, in tutti i sensi, cioè sia geograficamente, sia mentalmente. Sarà proprio lui a rompere questa crosta di gelo, con grande e doloroso sforzo, di cui le mani insanguinate e rotte sono un’altra bella metafora.

      Mi piace

  4. Descrivi benissimo il film e la bravura degli attori. Ti dico la verità, io dato il tema, mi aspettavo un approfondimento dei personaggi, ma è indiscutibile che, alla fine del film, rimangono impresse delle forti sensazioni ed emozioni, prima di tutte la forza e la naturalezza dell’amore.

    Mi piace

    • Grazie Dafne; io, invece, conoscendo il regista, non mi aspettavo un approfondimento psicologico, che non è nelle sue corde. Meglio, a mio avviso, cercare di comprendere il senso complessivo del lavoro, espresso attraverso immagini di forte contenuto simbolico. L’aspetto fetale del volto del bambino è una di queste immagini, unitamente alla sua posizione in quel lago ghiacciato, specie di liquido amniotico in cui si trova intrappolato: segno che allude a una vera rinascita, connotata questa volta, però, dall’accoglienza amorosa del padre, a cui è molto costato rompere quel ghiaccio, avendo dovuto decidere, adesso davvero, della sua vita in modo perfettamente cosciente. E’ un film che va meditato a lungo, perché non è tra i più facili, almeno secondo me.
      Anche Stephanie è stata costretta a rompere crudelmente col suo passato, ma anche per lei questo ha significato prendere coscienza di sé, non solo come corpo perfetto e scattante: nel momento decisivo ha scelto il suo futuro, abbandonando quel culto di sé per il quale era vissuta e aprendosi, anche lei all’accoglienza del piccino. Grazie ancora!

      Mi piace

      • Grazie a te, veramente. Capisco meglio, dopo la tua precisazione, che l’approccio alla comprensione di un film può avvenire tramite aspetti diversi da quelli che io di solito utilizzo, e questa possibilità mi piace molto e mi è di insegnamento. A presto.

        Mi piace

    • Guarda, anch’io l’ho davvero molto amato, oltre che apprezzato. Bellissima costruzione narrativa, bellissime e densissime le corrispondenze interne e le metafore, fin dalla prima scena. Occorre guardarlo con attenzione, e va molto meditato perché non è tra i film più immediatamente comprensibili.Grazie molte.

      Mi piace

  5. Grazie per questo regalo. Il film è eccezionale. Mi è piaciuta molto la naturalezza dell’approccio e del rapporto che il protagonista instaura con Stephany, che nasconde una tenerezza che sembra non collimare con le sue scelte di vita e con l’atteggiamento poco affettuoso nei confronti del figlioletto e della sorella inasprita da una vita di sacrifici. E’ un uomo egocentrico e chiuso, che vuole per sé un avvenire che non si basi soltanto sulla soddisfazione di bisogni primari. Non capisce le esigenze degli altri, desiderosi di affetto e attenzione. La presa di coscienza è quel ghiaccio che si rompe.

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...