un racconto crepuscolare (Singolarità di una ragazza bionda)


recensione del film:
SINGOLARITA’ DI UNA RAGAZZA BIONDA

Titolo originale:
Singularidades de uma Rapariga Loira

Regia:
Manoel de Oliveira

Principali interpreti:
Ricardo Trepa, Catarina Wallenstein, Diogo Dória, Julia Buisel, Leonor Silveira. – 64 min. – Portogallo, Spagna, Francia 2009.

Si tratta di un film riproposto in questi giorni da alcune sale italiane, in concomitanza con la presentazione a Venezia dell’ultimo lavoro (fuori concorso) di Manoel de Olveira. Questo fu girato, invece, dal vetusto regista portoghese nel 2009, quando aveva “solo” 101 anni. Si tratta di una breve pellicola di 64 minuti, ispirata da una piccola novella dello scrittore Eça de Queirós, composta nella seconda metà dell’800. Oliveira ne ha scritto la sceneggiatura, ammodernandone il contenuto per renderlo più accettabile oggi: ha aggiornato gli abiti dei protagonisti, le citazioni storiche (che arrivano fino a Salazar), il viaggio (che avviene su un treno ad alta velocità). Ha mantenuto, però, una certa patina di antico, evidente nel leggero seppiato del colore, nella rappresentazione di una Lisbona immobile e sonnacchiosa, ma soprattutto nella descrizione di datati rapporti familiari (zio e nipote si danno del lei) e di una fanciulla misteriosa, che ama celarsi dietro la fila doppia delle tende di seta e anche nascondere parzialmente il bellissimo volto con un ventaglio cinese di raffinata fattura.
Ne è emerso un lavoro abbastanza interessante, connotato da un carattere malinconicamente crepuscolare, anche un po’ nostalgico, in cui ricostruendo il suo innamoramento per la bella e misteriosa dirimpettaia e le ragioni della delusione che ne seguirà, il giovane Macario, rievoca con parole semplici e dimesse la sua condizione di povero, costretto proprio dall’indigenza a procrastinare la realizzazione della passione amorosa fortemente e ingenuamente idealizzata. Numerose le citazioni ciinefile buñueliane: il racconto durante un viaggio in treno (Quell’oscuro oggetto del desiderio); un religioso che gioca d’azzardo (Il fantasma della libertà); lo sfondo di una città immobile e sonnacchiosa (Tristana), che confermano, come era già accaduto per l’opera più esplicitamente e dichiaratamente buñueliana (Belle toujour, pallidissimo e normalizzante seguito di Bella di giorno), l’ammirazione di Oliveira per il grande maestro spagnolo, ma anche la sua totale incomprensione della sua opera, potentemente trasgressiva e profondamente estranea al suo cinema.

Advertisements

6 pensieri su “un racconto crepuscolare (Singolarità di una ragazza bionda)

    • Anch’io direi che non ho con questo regista molto feeling, tuttavia mi sono abbastanza divertita a cogliere le citazioni svuotate ed edulcorate del grande Luis, di cui è evidente un’ammirazione che non riesce a diventare sostanza filmica, magari anche alternativa, essendo solo gusto di una rappresentazione un po’ sbiadita. Se lo si considera sotto l’aspetto elegiaco e crepuscolare, può diventare anche gradevole, invece.
      grazie del commento

      Mi piace

  1. grazie, è poetica la tua esposizione e forse il film stesso, come si chiamava quel film di De Oliveira in cui un uomo maturo – artigiano del gelato? – riempiva una vasca da bagno di latte perché una giovanissima ci facesse il bagno?

    Mi piace

    • Ma grazie a te, che mi dici che la mia esposizione è poetica. Che bel complimento! Quel film di cui parli, io non l’ho visto, ma cercherò di capire di cosa si tratta, perché l’idea mi pare divertente!

      Mi piace

  2. Mi incuriosisce questa immagine del viaggio e di una Lisbona immobile e sonnacchiosa. Ci sono stato non molto tempo fa e forse, anche nella vita reale, mantiene un pò un’aria sonnacchiosa.

    P.S.: a proposito di Festival di Venezia, a giorni andrò a vedere Bella addormentata di Bellocchio. Spero che sia all’altezza di Buongiorno, notte.

    Mi piace

    • Grazie del commento. Su Bellocchio, ti dirò che non è fra i miei autori prediletti, ma penso che vedrò questo film, nonostante le osservazioni non proprio benevole che ho letto a riguardo. Vedrò; certo è singolare che sembri aver scontentato tutti!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...