l’inconscio e le paure in un film elegantissimo (Bella di giorno)


recensione del film:
BELLA DI GIORNO

Titolo originale:
Belle de Jour

Regia:
Luis Buñuel

Principali interpreti:
Catherine Deneuve, Francisco Rabal, Michel Piccoli, Geneviève Page, Georges Marchal, Pierre Clémenti -100 min. – Francia 1967.

Questa mia lettura non pretende di essere l’unica possibile, perché molto di più si potrebbe dire, di questo capolavoro. Attendo pareri, anche difformi, purché argomentati

La bella Sévérine, già bambina insidiata e, forse, abusata, vive la propria vita sessuale col marito Pierre, medico parigino assai affermato, con profondo disagio, spia di un senso di colpa mai rimosso, che rischia di rendere difficile il rapporto con lui. La donna è infelice, frigida, ha pulsioni masochistiche, che la attraggono e insieme la turbano, tanto che non osa parlargliene. I suoi sogni ricorrenti e inquietanti rivelano da subito che la scialba e incolore vita che il marito le prospetta è del tutto insoddisfacente, e che la paternalistica e paziente comprensione di lui ne aumenta il disagio. La realtà di Sévérine è quella che un amico del marito, Husson, ha ben intuito: dietro l’algida bellezza, nasconde inconfessabili desideri sessuali, dei quali ha paura. Sarà proprio Husson a indicarle la via d’uscita, lasciandosi sfuggire con nonchalance l’indirizzo di una casa di appuntamenti, prontamente colto da lei che ci andrà, esitando, per prostituirsi e trovare le risposte che cercava, riuscendo a rendere più sereno anche il rapporto con Pierre. Col nome fittizio di Bella di giorno, Sévérine per un po’ riuscirà a celare a tutti la sua doppia vita, finché, per effetto della passione violenta (e ricambiata) di Marcel, un cliente malavitoso che la vorrebbe solo per sé, la sua vita familiare ne verrà coinvolta. Marcel le piace molto per la brutalità istintiva del suo approccio amoroso, ma non costituisce per lei un’alternativa al marito, poiché la donna ha compreso che amore e piacere si possono tenere separati, ma soprattutto perché non intende affatto barattare la rispettabilità borghese, che il marito le assicura, col ruolo di donna di un gangster. La violazione della legge non scritta dell’ appartenenza sociale è, quindi, davvero, ciò che non può essere tollerato: Husson, attraverso i cui “buoni uffici” era avvenuta la “liberazione sessuale” di Sévérine, decide di parlarne a Pierre solo quando comprende che la trasgressione di lei ha passato il limite accettato nell’ambiente della borghesia parigina. L’ambiguo “lieto fine” non può illudere che le cose si siano aggiustate: il marito Pierre ha aperto gli occhi e si è sbloccato, dopo il colloquio con Husson, ma i sogni inquietanti di Sévérine persistono: la vita “normale” non le piace, se non per i vantaggi prestigiosi che gliene possono derivare. Buñuel tratta un tema molto scabroso con un’eleganza ineguagliabile, che impedisce alla torbida materia rappresentata di debordare nella volgarità. Molte delle scene più discusse e famose, che hanno dato adito a mille interrogativi e a mille risposte sono, secondo me, da ricondurre al gusto simbolista e surrealista del grande regista e forse richiedono spiegazioni abbastanza semplici: il contenuto della scatola nera del cliente orientale, è, forse, l’oscurità del nostro inconscio che non dobbiamo temere (no paura, ripeterà l’uomo più volte alle prostitute che rifiutano), anche se ci ricorda la nostra animalità (il ronzio da insetto petulante e insidioso che proviene dal suo interno). La sessualità senza inibizione, in cui violenza, piacere e tenerezza si fondono, trasforma l’amore in un potentissimo strumento di conoscenza di sé e del mondo, non alla portata di tutti (Che cosa ne sai tu?, dirà Sévérine alla cameriera che la compiange per l’incontro appena concluso). L’invito a non avere paura si ripeterà più volte ed è forse la chiave di lettura più importante di tutto il film. Grande film, interpreti indimenticabili.

Advertisements

7 pensieri su “l’inconscio e le paure in un film elegantissimo (Bella di giorno)

  1. Condivido la recensione in tutti i suoi aspetti. Malgrado i tanti anni trascorsi dalla visione del film, mi sono rimasti impressi sia i diversi particolari simbolici (oltre alla scatola nera, lo scampanellio dei cavalli che trainano la carrozza che passa sotto le finestre del palazzo della protagonista, la figura del marito cieco, sordo e paralizzato, ecc.) sia la rappresentazione delle diverse forme trasgressive della sessualità (quella funeraria, quella con il monaco, quella principale con il bandito-amante) vista come altra cosa rispetto alla normalità della vita. La trasgressione, in fondo, dà la possibilità di rendere nobile la normalità che non viene mai rifiutata o respinta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...