STOKER

 

 

 

 

La mia recensione
– aggiornata al gennaio 2021 – del film

STOKER
per la regia di Chan-wook Park
si trova qui:

https://www.filmtv.it/film/50322/stoker/recensioni/986428/#rfr:user-71012

Cast:
Mia Wasikowska, Matthew Goode, Nicole Kidman, Jacki Weaver, Alden Ehrenreich. continua» Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 100 min. – USA, Gran Bretagna 2013

 

Louisiana (The other Side)

Schermata 2015-05-30 alle 22.55.51

 

 

 

La mia recensione
– aggiornata al gennaio 2021 – del film documentario:

LOUISIANA (THE OTHER SIDE

per la regia di Roberto Minervini

si trova qui

https://www.filmtv.it/film/78008/louisiana/recensioni/986088/#rfr:user-71012

Cast:
Mark Kelley, Lisa Allen, James Lee Miller – 92 minuti- Italia, Francia 2015

High Life

 

recensione del film:
HIGH LIFE

Regia:
Claire Denis

Principali interpreti:
Robert Pattinson, Mia Goth, Juliette Binoche, Lars Eidinger, André Benjamin. Agata Buzek, Claire Tran, Ewan Mitchel – 110 min. – Gran Bretagna, Francia, Germania 2018.

 

Siamo esseri fragili, corpi condannati a morire e – contraddittoriamente – desideranti, perché vogliamo sopravvivere nei nostri successori. A loro lasciamo non solo il ricco patrimonio di geni a prova di selezione naturale, ma anche l’eredità culturale, accumulata nei millenni e diventata patrimonio morale, artistico e filosofico dell’intera nostra specie.

Il film è il racconto di un viaggio nello spazio a bordo di una strana navicella di forma cubica, organizzata al suo interno come una sorta di albergo, in cui un piccolo vestibolo – guardaroba delle tute spaziali – dà accesso al lungo corridoio che porta alle stanze, in cui vivono uomini e donne membri dell’equipaggio. Sono tutti ex galeotti, condannati a morte per reati gravissimi, che hanno ottenuto la sospensione della pena in cambio del loro viaggio volontario, per contribuire alla riuscita di un ambizioso progetto spaziale: la colonizzazione di un pianeta su un’altra galassia raggiungibile attraversando un enorme buco nero, di cui tutto si ignora. La distanza, valutabile in migliaia di anni luce, rende labili i collegamenti con la terra, che a un certo momento si interrompono del tutto, cosicché è dell’equipaggio, nella persona di Monte (Robert Pattinson), la responsabilità della guida nel buio nero dello spazio, mentre una donna-medico il dottor Dibs (Juliette Binoche fascinosa e dai fluenti lunghissimi capelli) si dà da fare per assicurare, attraverso complesse pratiche di fecondazione artificiale, la perpetuazione della specie, assicurando alla nuova stirpe, le condizioni di resistenza alle radiazioni interstellari, indispensabili per sopravvivere sul nuovo pianeta.

Il film si apre alternando le immagini del minuscolo e luminoso giardino artificiale, sorta di meraviglioso Eden che offre nutrimento e bellezza (magnifica la fotografia diretta da Yorick Le Saux) con quelle del buio esterno, da cui Monte, uscito per qualche riparazione, è costretto a rientrare richiamato da Willow, la paffuta bimbetta di un anno, che a perdifiato reclama il proprio diritto al cibo e alla compagnia. È tra le scene più belle del film, per la trepidante verità delle riprese condotte dalla regista, capace di commuoverci raccontando il naturale sbocciare della vita della piccina che sta imparando a rapportarsi con quegli spazi e col mondo che le sta attorno,

È lei la prima creatura – sarà l’unica forse – nata in quell’abitacolo; la vedremo muovere i primi passi e poi crescere, teneramente accudita da Monte, amoroso padre, alla cui procreazione non aveva collaborato, poiché Dibs, la terribile manipolatrice, gli aveva prelevato, durante il sonno, lo sperma per autofecondarsi. Sarebbe diventata una bella giovinetta, Willow (Jessie Ross), quando ormai l’intero equipaggio aveva abbandonato la navicella, per seguire il proprio drammatico destino.

Nuova Eva, nata come lei da un uomo dormiente, avrebbe potuto fondare davvero una nuova stirpe, se Monte fosse riuscito a superare il tabù dell’incesto, vera ossessione della sua vita di astronauta superstite e ben deciso a mantenere la propria ascetica purezza…

 

Ancora una volta ci seduce il cinema filosofico e provocatorio di Claire Denis, la regista che da sempre, con le sue opere non facili, né da tutti amate, ci invita a prendere coscienza di noi e della nostra natura.
Lo fa con un film di fantascienza raccontato con pochi mezzi e senza effetti speciali, la grande fantascienza che, in letteratura come nel cinema, ha saputo riflettere sul disagio della civiltà, sugli individui della nostra specie che vivono, fra mille contraddizioni nella società e nella storia, oltre che nel cosmo le cui luci tremolanti e lontanissime non hanno la forza di illuminare il nostro percorso
Il film, che è è attraversato costantemente da sensualissime tensioni, mi è sembrato fra i più belli e significativi (e anche molto disturbante) della grande regista, per la quale Juliette Binoche e Robert Patterson hanno dato davvero il meglio di sé, fornendo interpretazioni memorabili.

__________

Di questo film, visto in lingua italiana tra la fine di agosto e l’inizio di settembre ( 2020), quando ancora le sale erano aperte, avevo preparato uno schema di recensione, poi abbandonato, perché quella sola visione mi aveva lasciata incerta nell’ interpretazione e richiedeva ulteriori approfondimenti, resi possibili dal DVD che sono riuscita a procurarmi e che mi ha consentito di accedere alla versione originale.

 

Qualche riflessione e un documentario

Non è una recensione: avevo scritto l’ultima per l’ultimo film visto in sala.
Ora che le sale sono di nuovo chiuse è diffusissima la preoccupazione fra noi vecchi cinefili per il futuro del cinema.
Vanno molto bene, ed è ovvio, le riproduzioni in streaming: le piattaforme fanno affari d’oro sia con le vecchie pellicole, sia con quelle che sono nate apposta per i nuovi medium e il nuovo pubblico: Marshall McLuhan ha da tempo chiarito che il medium è il messaggio. Nasce forse da questa consapevolezza mia predilezione per la sala: quando vedo un film non voglio  occuparmi d’altro, tutta la mia attenzione è per lo schermo. Ora, invece, una grande tristezza malinconica mi rende difficile scrivere, anche se continuo a guardare film dai miei DVD e Blu Ray.
Le letture del blog, tuttavia, continuano a essere molto numerose – grazie, lettrici e lettori – ciò che mi spinge a parlare di cinema in altro modo, amichevolmente commentando i film, che, per il tema o per la loro attualità potrebbero interessarvi in questi giorni difficili, anche se si tratta di generi che ho poco curato in passato oppure di vecchissime pellicole.

Comincerò da un bel documentario, che per il fatto di essere un cortometraggio di 36 minuti ho potuto vedere in santa pace (evitando sgradite ingerenze e interruzioni fastidiose), su RayPlay, prima di dormire. Non so per quanto tempo verrà ospitato su questa piattaforma pubblica e gratuita; in ogni caso QUI per ora si può trovare.

Il suo titolo è Torino2020-Storie da un altro mondo; è stato presentato fuori concorso al TFF e parla della mia città, così come può essere vista da un gruppo di uomini di cultura, non necessariamente torinesi, che ne ripercorrono, non sempre diacronicamente, la storia lungo tutto il novecento cinematografico, poiché le sue vie, le sue piazze, le sue strade, nel cuore della città come in periferia, hanno accompagnato film importantissimi dai ricchissimi pedigrée, come se la decima musa in questo severo  capoluogo regionale si fosse trovata davvero a proprio agio.

“L’idea di questo film” – dice Alessandro Bignami, il regista  – “è nata pensando a una Torino in cui  improvvisamente, come nel resto del mondo, il tempo si è fermato ad aspettarci. Paradossalmente, la pausa ci ha permesso di riflettere più a fondo sull’ importanza che la città ha avuto e ha per la società, la cultura, l’arte, e quindi il cinema del nostro Paese. Le scene dei grandi film girati per le sue strade, dall’epoca del muto alle Olimpiadi invernali, sono state la mappa che ci ha guidato. Ora che il film è finito, lo consegniamo a un futuro che ancora non conosciamo, ma che sappiamo non potrà prescindere dalla passione per il cinema”.

Alla regia di Alessandro Bignami, dunque, oltre che al montaggio di Yael Leibel e al direttore della fotografia Fanco Topazio è affidato il documentario che intende ricordare i grandi nomi che nel corso del primo ventennio del ‘900 avevano creato il mondo dell’immaginario cinematografico.
Gli interventi dello scrittore e sceneggiatore Davide Longo, dell’attrice Laura Curino, del cantautore Samuel (dei Subsonica), della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi e del regista Davide Ferrario ci accompagnano lungo questo viaggio affascinante che è composto come un mosaico, in cui si mescolano le tessere delle più varie provenienze.

Rivediamo, insieme alle notissime scene dei grandi film, le immagini del repertorio delle Teche Rai, mentre i nomi degli scrittori – da D’Annunzio a Carlo Levi, a Cesare Pavese  a Salgari a Fruttero & Lucentini – si alternano a quelli degli imprenditori visionari (Pastrone) e degli intellettuali  antifascisti, a quelli degli autori cinematografici più celebri –  da  Antonioni a Rosi,  da Dario Argento, a LinaWertmuller, a Francesco Comencini – per offrirci un ritratto insolito di Torino, lontana dall’oleografia risorgimentale – comunque evocata fuggevolmente – e pienamente inserita nei problemi del Novecento, così come il cinema ha saputo raccontare.

Davvero la storia di un altro mondo, di una città forse poco italiana, cui poco si addicono gli stereotipi diffusi sugli i taliani e sui torinesi.

 

Nomad – In cammino con Bruce Chatwin

recensione del documentario:
NOMAD – IN CAMMINO CON BRUCE CHATWIN

Titolo originale:
Nomad – In the Footsteps of Bruce Chatwin

Regia e sceneggiatura:
Werner Herzog


durata del documentario:
85 minuti – Gran Bretagna 2019

Psichiatri, politici, tiranni continuano ad assicurarci che la vita nomade è un comportamento anormale […], malattia che per il bene dell’umanità deve essere debellata. […] Gli orientali, però, mantengono vivo un concetto un tempo universale: che la vita errabonda ristabilisce l’armonia originaria che esisteva una volta fra l’uomo e l’universo.
(Bruce Chatwin, La via dei canti, Adelphi, 1987, pag. 239)

Questo film racconta l’amicizia fra il regista Werner Herzog e lo scrittore Bruce Chatwin, nata dalla scoperta, prima ancora di incontrarsi, della comune “eccentricità”.
Il loro avvicinarsi, infatti, era la stata la conseguenza quasi inevitabile del reciproco ammirarsi da lontano, attraverso le opere nate dalla singolare affinità del loro sentire.

Li aveva accomunati l’insaziabile  e quasi ossessiva passione per la conoscenza dell’anima profonda dei luoghi che ancora conservano le tracce delle antichissime civiltà dei nomadi, che percorrevano i sentieri segreti, le vie dei canti, tracciate nella vegetazione, testimonianza di antiche culture quasi del tutto perdute, possibili da evocare facendo rivivere le creature che alla terra avevano, alla fine del loro ciclo vitale, restituito quella vita che dalla terra stessa avevano ricevuto.

La passione dello scrittore era nata con lui: durante l’infanzia ne aveva animato i giochi, i sogni, le letture un brandello peloso – si diceva di brontosauro – trovato nella dimora australiana degli zii, ciò che lo aveva reso desideroso e impaziente di muoversi e di spostarsi ripercorrendo a piedi le “vie dei canti” in Patagonia come in Australia, in Africa o, semplicemente, lungo i sentieri nascosti fra le siepi delle colline del Galles, custodi di antichi massi, orientati come un misterioso calendario astronomico.

Herzog – che aveva girato Il cobra verde (1987), ispirandosi al suo romanzo Il viceré di Houidah (1980) – lo aveva incontrato quando lo scrittore era già segnato dall’AIDS, che lo avrebbe portato a morire a soli 49 anni. Bruce non poteva ormai camminare, ma fu l’amico Werner a regalargli l’ultimo viaggio, in portantina, ventilato con i flabelli degli accompagnatori africani e trattato come un re. Momento di vera felicità per il malato, che prima della morte volle cedergli il testimone: il glorioso zaino di cuoio, inseparabile compagno di tanti viaggi.

Film molto bello: con insolita e commossa gentilezza, il grande visionario Herzog riesce a unificare, grazie a un montaggio prodigioso, le scienze della storia millenaria dell’uomo con il mondo mitico, con i richiami biblici (il diluvio universale), e anche con gli episodi della vita della vita di Chatwin, raccontati attraverso le parole di Elizabeth – la vedova – e del direttore della fondazione da lei voluta, che ne raccoglie diari, fotografie, mappe, appunti, schizzi: grande omaggio all’uomo, al marito, alle sue inquiete peregrinazioni.

Da vedere in sala, mai come in questo caso insostituibile amica di chi ama il cinema.

Film-evento concesso per soli tre giorni alle sale italiane. La sua permanenza sul grande schermo è stata assicurata per qualche giorno ancora, prima che la piattaforma che se n’è assicurata i diritti lo renda visibile agli abbonati.

Roubaix Una luce

ROUBAIX, UNA LUCE

Titolo originale:
Roubaix- Une lumiere

Regia:
Arnaud Desplechin

Principali interpreti:
Roschdy Zem, Léa Seydoux, Sara Forestier, Antoine Reinartz, Chloé Simoneau
119 min. – Francia 2019

Strano e insolito questo film di un regista molto apprezzato soprattutto dai cinefii francesi, ma poco noto da noi, che spesso fatichiamo a comprendere il senso del suo malinconico raccontare. Per questo, forse, non gode della fama di altri registi d’oltralpe, maggiormente orientati alla rappresentazione sociologica della realtà degradata di alcune città francesi, una delle quali è Roubaix, prossima al confine col Belgio, un tempo fiorente centro industriale tessile.
Dell’antico splendore non è rimasta traccia se non quella delle vecchie abitazioni dei lavoratori del settore, ora rifugi malandati e sporchi, nascondigli di sbandati, furbastri e profittatori.
Di tal fatta sono i personaggi del film, ma il suo regista spesso e volentieri ci spiazza: crea attese – a cominciare dal titolo e dalla prima scena – a cui non seguono gli sviluppi che prevediamo; crea le situazioni – in cui cala i suoi personaggi – senza chiarirne le origini sociali; crea, soprattutto, ritratti di uomini e di donne senza dar conto del loro passato, convinto com’è che in loro si debba cercare la motivazione dell’agire, nei valori (o disvalori) morali che il loro comportamento quotidiano mette in evidenza.

Lumière e lumières Luce e luci

Siamo a Natale: l’incandescente bagliore che improvvisamente ci appare nel buio della notte, mentre ancora scorrono i titoli di testa, non è quello decorativo degli ornamenti festosi, ma quello di un’auto che ha preso fuoco. Rapido accorrere di ambulanze (c’è un ustionato) e della polizia che condurrà le indagini e presto chiarirà il caso.
C’è un commissariato di polizia, infatti, a Roubaix e, soprattutto, c’è Daoud (Roschdy Zem), il grande commissario di origine algerina che è rimasto, unico della sua famiglia, a Roubaix, dove è cresciuto, ha studiato e ha imparato a conoscere gli uomini, non solo per quello che dicono e fanno, ma anche per ciò che tacciono ed evitano di fare.
Un intuito particolare lo anima, favorito forse anche il suo continuo meditare, annotare e scrivere, in piena solitudine, fino a tarda notte, nel solito bar del quale pare quasi un complemento d’arredo.
Daoud ha un giovane superiore, il tenente Louis (Antoine Reinartz) che è appena arrivato ed è ben deciso ad affiancarlo lealmente: di lui e del suo passato conosciamo solo quello che ci dicono i libri sugli scaffali del suo studio, dai quali trae le proprie riflessioni sulla natura degli uomini: Bernanos e Levinas tra gli altri.

Daoud e un po’ anche Louis, forse animato da sorta di etica religiosa, illuminano, dunque, pur nella diversità della cultura e delle origini, la notte perenne di Roubaix, fronteggiando in un gioco delle parti ben distribuite* gli sciagurati che spesso delinquono al di là delle intenzioni, per stupidità o per eccessiva fiducia nelle proprie capacità di crearsi alibi solidissimi o di fermarsi al momento giusto.

Desplechin si ispira a un documentario del 2002 e trasmesso dalla TV francese nel 2008: Roubaix, commissariat central, affaires courantes di Mosco Levi Boucault, incentrato su un fatto di cronaca, sceneggiato successivamente per i quattro principali interpreti del film, ovvero, oltre a Daoud e ad Antoine, Claude (Léa Seydoux) e la sua amante Marie (Sara Forestier), incapace di opporsi alla volontà dominante dell’amata.
Complici nell’assassinio di una vecchia donna, malandata e povera, convinte che l’omicidio assurdamente crudele avrebbe risolto qualche loro problema economico, le due giovani donne erano state subito sospettate dal grande Daoud e dal tormentato Antoine, che senza fretta sarebbero riusciti a incastrarle, dopo numerosi interrogatori con ogni evidenza “teatrali”, durante i quali erano emerse sia la stolta sicumera di Claude, sia la remissiva debolezza di Marie.

Attorno al racconto, che come ho detto, è tratto dal documentario, altri episodi di minore rilievo, ( e di pura invenzione), come truffe, stupri, fughe da casa di ragazze minorenni impegnano l’attività del commissariato, che nulla trascura e tutto risolve.

La pellicola è certamente interessante, anche se non sempre riesce a convincere del tutto, essendo ai limiti della credibilità l’affollarsi dei delitti natalizi, ai quali offrono la loro dedizione e la loro professionalità gli uomini del commissariato, veri angeli o veri eroi, secondo le parole dell’autore che precedono il  film, che assume l’aspetto di una meditazione quasi metafisica sulla ineliminabilità del male dal cuore dell’uomo.

 

_______________

*Le spiegazioni di Desplechin a questo proposito vengono sottolineate dai Cahiers du Cinéma nel numero del settembre 2019 : “adapté…comme une pièce de théâtre, reprenant ses principaux faits, personnages et dialogues pour les mettres dans des corps d’acteurs” (Cyril Béghin, pag 40).

I miserabili

recensione del film:
I MISERABILI

Titolo originale:
Les Miserables

Regia:
Ladj Ly

Principali interpreti:– 100 min. – Francia 2019.

Dal regista francese Ladj Ly, originario del Mali, è arrivato nelle nostre sale – ma si trova anche su alcune piattaforme in streaming – Les Misérables.
Perderlo sarebbe un gran peccato, perché, come attestano anche  i prestigiosi riconoscimenti della critica internazionale e i premi ottenuti
* (per non parlare delle innumerevoli nomination di cui ricordo solo quella agli Oscar e ai Golden Globe), il film è  la rivelazione di un regista quasi sconosciuto, ma talentuoso, che parlandoci, con passione lucidissima, della banlieu parigina di Montfermeil, delle sue difficoltà e dei suoi problemi, ci mostra una realtà esplosiva, che potrebbe diventare la realtà inattesa con la quale tutti, prima o poi, dovremo misurarci.

L’avvio del film è sorprendente: un mare di bandiere francesi avvolgono festosamente i corpi dei parigini di ogni età e di ogni provenienza, in tripudio dopo la vittoria calcistica del campionato del mondo. Siamo dunque nel 2018, l’anno in cui la Nazionale d’oltralpe superò la Croazia aggiudicandosi il titolo. Sfilano davanti ai nostri occhi molti dei ragazzini che saranno i protagonisti del film, immigrati di seconda o terza generazione, francesi per lo più di origine africana, della banlieu di Montfermeil, a pochi minuti di Métro dalla capitale. Nelle prime scene conosciamo anche i tre funzionari di polizia che il commissariato locale ha destinato alla sorveglianza di quel territorio.
Ecco, perciò, Chris (Alexis Manenti, cosceneggiatore del film insieme al regista), il duro del terzetto, con il phisique du rôle del nazistello odioso e prepotente; Stephane (Damien Bonnard), appena arrivato da Cherbourg, che vorrebbe difendere con umana comprensione la legalità; Gwada (Djibril Zonga), l’unico africano dei tre, buon conoscitore di quel territorio – abita lì – di solito buon mediatore.

Un territorio ingovernabile o forse mal governato

il regista, facendo riferimento alla propria storia personale, ci presenta, con notevoli deviazioni cronologiche, un mosaico di crimini e misfatti  che avevano segnato nel corso del tempo la difficile esistenza degli immigrati di Montfermeil, sobborgo maledetto, zona franca in cui le rivalità etniche e religiose diventavano continue occasioni di risse e di provocazioni, poco controllate dall’unica autorità riconosciuta, un “sindaco” eletto, ma senza poteri, che cercava di mantenere la tranquillità del territorio corrompendo e promettendo, pur di tenere lontana la squadra di polizia, riconosciuto e odiatissimo potere istituzionale, la faccia feroce e spietata dello stato.

La rivolta delle periferie parigine è il fatto storico al quale si ispira l’episodio terribile – meticolosamente preparato nella prima parte del film – sfociato nell’impressionante sequenza finale durante la quale, in un crescendo di tensione, i ragazzini, da troppo tempo umiliati e offesi, attirano nella loro trappola micidiale i tre poliziotti, con esiti tutti da immaginare.

All’origine della loro rivolta è il furto di Jonny, cucciolo di leone, allevato dai nomadi del circo Zeffirelli (!). Era stato il piccolo Issa (Issa Perica), a impadronirsene, né l’avrebbe mai restituito, se la reazione dei nomadi, sgangherata e truce, non avesse provocato la mobilitazione della polizia e poi quella guardinga degli adulti per ritrovarlo… 

Buzz (Al-Hassan Ly, figlio del regista che interpreta molto bene il padre, che fin da giovane aveva coltivato la passione per le riprese col cellulare) aveva filmato, col suo minuscolo drone volteggiante su Montfermeil, anche la scena dello strano furto.

Su questi due bambini, perciò, si era diretta la ricerca e la violenza dei tre poliziotti, preoccupati delle possibili gravissime conseguenze dell’ira dei nomadi e convinti di poter impunemente minacciare e ricattare due bambini, coinvolgendone anche, fra mille diffidenze, i genitori. Ne erano infine venuti a capo, sia utilizzando ogni possibile mediazione fra gli uomini più autorevoli del sobborgo, dal “sindaco”, all’Imam, sia ricorrendo, con gravi conseguenze, al fuoco delle armi e preparando, perciò stesso, il terreno alla ribellione vendicativa…

Un gran lavoro di sceneggiatura e di montaggio permette al film sia di superare l’impasse che verso la metà sembrava averne un po’ disperso la forza coinvolgente sia di imboccare decisamente la strada del noir, che, con crescente tensione, riesce in qualche misura, sorprendentemente, a rovesciare il punto di vista del narratore, inizialmente dalla parte dei bambini, infine incerto nel giudizio, come è giusto che sia, visto che nessuno è davvero buono, e che tutti si rivelano vittime e carnefici in un sistema perverso, profondamente da cambiare.

Victor Hugo, sullo sfondo – ma ancora molto presente – nei luoghi di Gavroche e di Valjean tuonava  contro i cattivi coltivatori; oggi, per risolvere quegli enormi problemi vanno individuati i cattivi maestri, i seminatori dell’odio, con  razionale disposizione della mente e del cuore, senza illusioni, ma soprattutto senza pregiudizi.


* I premi:

Gran Premio della giuria al festival di Cannes 2019;

European Film Awards 2019;

4 premi César 2020 (miglior film, premio del pubblico, migliore attrice esordiente, miglior montaggio);

3 premi Lumière (miglior film, miglior attore esordiente, migliore sceneggiatura);

premio Goya (miglior film europeo)

Undine Un amore per sempre

recensione del film:
UNDINE – UN AMORE PER SEMPRE

Titolo originale:
Undine

Regia:
Christian Petzold

Principali interpreti:
Paula Beer, Franz Rogowski, Maryam Zaree, Jacob Matschenz, Gloria Endres de Oliveira – 90 min. – Germania, Francia 2020.

 

Un’ondina a Berlino

Undine non è una donna, ma una creatura fantastica, uscita dalle acque, che erano da sempre il suo habitat.
Secondo la leggenda, ha, come le sirene del Mediterraneo, o come le altre ondine della tradizione nordica, il potere di attrarre irresistibilmente gli uomini per farli morire.
Fonte di ispirazione, dai tempi più antichi, di artisti e di scrittori, di narratori di favole e di musicisti, Undine ispira anche la creatività di Petzold, il regista del film che la fa rivivere a Berlino collegandola alla storia della città fin dalla sua fondazione.
Dalla sua voce ascoltiamo le vicende della capitale tedesca, raccontate ai turisti in sosta davanti ai plastici tridimensionali che ne ricostruiscono le modificazioni nel tempo, dalla laguna paludosa degli isolotti intorno al fiume Sprea, al momento in cui il lavoro degli uomini per controllare il corso delle acque, bonificando gli acquitrini, ne aveva reso il territorio coltivabile e abitabile.

A poche centinaia di persone dalle provenienze più diverse, era dovuta, dunque la fortuna di Berlino che si era successivamente ingrandita ed era prosperata grazie alla navigabilità dello Sprea che garantiva un facile e veloce trasporto delle merci.
Undine rappresenta perciò la memoria storica del Märkisches Museum della capitale: il suo lavoro, sulla terra ferma, è quello di guida-cicerone in un centro di cultura che sorge vicino all’acqua, la fonte di vita dalla quale era emersa per amore, e senza la quale non avrebbe potuto vivere a lungo.

 

Un amore, un tradimento, forse una minaccia…

Undine (eccezionale interpretazione di una bellissima e affascinante Paula Beer) ha avuto una storia appassionata con Josef (Jacob Matschenz), che sta per lasciarla poiché ama un’altra donna. Seduti davanti al loro solito bar, si fa evidente il gelo fra loro, a cui si aggiunge il silenzio sprezzante di lui: inutili ulteriori spiegazioni, né Undine le richiede, poiché ha fretta, deve andare a lavorare e conta di incontrarlo dopo,
annunciandogli però, con apatica indifferenza, di essere costretta a ucciderlo.

Sembra una minaccia, ma le sue parole sono prive di rabbia; del resto, una nuova passione sta per nascere: Christof (Franz Rogowski), un “palombaro industriale”, addetto alle riparazioni sott’acqua, affascinato dalla sua lezione al museo, la segue all’uscita per incontrarla al bar dove, con un movimento maldestro, urta il vetro di un acquario, provocando un disastro: il locale si allaga, entrambi vengono feriti dalle schegge e quando tornano in sé, dopo lo spavento, si trovano abbracciati e non potranno più lasciarsi.  Hanno con sé un piccolo amuleto, la statuina di un sommozzatore che Christof ha “salvato” dal disastro dell’acquario e che avrebbe regalato a lei, simbolico oggetto che, ricordando a lei la propria vicinanza, sempre e ovunque, agisce come “senhal”*, magicamente profetizzando le incomprensioni, le bugie distruttive, le svolte sinistre della loro passione, decisive del futuro di entrambi.

Ho cercato di rmettere in luce gli elementi del film che ne rendono, secondo me, più agevole l’interpretazione, ma altro non vorrei aggiungere, per evitare ogni eccesso di spoiler.

Non voglio dimenticare, però, che le immersoni di Christof sono tutte pericolose: deve riparare antichi guasti, prodotti da tempo sulle fondamenta storiche della città, più volte distrutta e ricostruita in superficie, mentre nelle sue melmose profondità si aggira un imprendibile e feroce mostro, presenza simbolica di un passato recente, oscuro e sempre pronto ad attaccare e a cancellare l’identità primigenia dell’antica comunità che era nata per includere chi veniva da fuori a portare il proprio contributo alla prosperità di tutti…

È il nuovo film di Christian Petzold, forse il più intrigante e complesso dei suoi, poiché nasconde, dietro alla favola triste e alle sue metafore, una visione politica che lo spettatore dovrebbe cogliere per apprezzarne tutte le implicazioni . 

È arrivato ora nelle sale italiane, dopo che, presentato alla Berlinale di quest’anno e premiato (Orso  d’argento alla Beer), la pandemia ne ha impedito la distribuzione già programmata.

Chi ama il cinema dovrebbe vederlo.

*il senhal era una figura retorica originariamente utilizzata dai trovatori delle corti provenzali, che indicavano, con un’ immagine ricorrente, o un nome fittizio, o un oggetto, la donna amata, al fine di mantenerne segreta l’identità. Fra i poeti della scuola toscana è usato da Dante, per esempio, nelle Rime Petrose (e non solo) nelle quali la parola Petra è il senhal della presenza di una donna dal carattere crudele e durissimo.

 

Little Joe

 

recensione del film:
LITTLE JOE

Regia:
Jessica Hausner

Principali interpreti:
Emily Beecham, Ben Whishaw, Kerry Fox, Kit Connor, Phénix Brossard – 100 min. – Austria, Gran Bretagna, Germania 2019.

Uno strano film della regista austriaca Jessica Hauser la stessa di Lourdes, che dieci anni fa avevo recensito QUI

Sembra una fiaba l’inizio di questo film, che ci immerge, dalle prime scene, nella realtà livida e raggelante di una serra tutta vetri e strutture metalliche, che, tra gli stridenti suoni fuori campo e i rumori sibilanti della (non) musica di Teiji Ito, si tinge all’improvviso delle nebbiose emissioni color magenta sprigionate dai fiori aperti di alcune piantine che stanno crescendo insieme ad altre varietà di bellissimi fiori in grave sofferenza.
Un team di ricercatori, attentissimi agli umori volubili dei compratori, e alle norme internazionali in tema di OGM, aveva creato quei germogli e ora ne segue lo sviluppo per destinarli, infine, ai floricultori delle fiere- mercato.
Alice (Emily Beecham), giovane e intraprendente studiosa, lavorando di notte per aggirare segretamente ogni norma, era riuscita a creare la piantina che dal suo fiore aperto, quasi rispondendo alle sue cure, spargeva tutt’intorno quella nebbia colorata insieme al più soave dei profumi, inebriante a tal punto da determinare in chi lo respirava una condizione di euforica beatitudine, forse la felicità.
Era nato però il dubbio che quei suoi vapori misteriosi danneggiassero le piante contigue che stavano rapidamente disseccando, mentre altri inquietanti fenomeni colpivano gli uomini e gli animali che le si avvicinavano.

Alice
Alice era una donna graziosa e giovane; viveva per il suo lavoro e per il figlio Joe, quasi adolescente, molto legato a lei, che vedeva poco, perché gli orari di lavoro la tenevano lontana da casa per troppo tempo. Era separata dal marito, che aveva scelto di vivere in campagna, dove nei weekend arrivava Joe, che non lo amava. Avendo ridotto al minimo i rapporti familiari, Alice si sentiva in colpa e perciò si faceva seguire da una psicanalista che la consigliava e le dava preziose informazioni, rafforzandone le convinzioni circa il rapporto con Joe, qualitativamente ben più importante di ogni relazione genitoriale a pieno tempo.
Alice non era affatto convinta, inoltre, che il dolcissimo profumo della sua piantina fosse all’origine di tutti i mali che affliggevano il laboratorio, cosicché, senza timore alcuno, ne aveva donato un esemplare a Joe, in onore del quale l’aveva battezzato Little Joe, assicurando al bambino che quel profumo di felicità  l’avrebbe ben ripagato delle sue cure e delle sue attenzioni.

Diventando un giovanotto, Joe cambia, diventa più combattivo, rivendica una maggiore autonomia e comincia ad apprezzare quel padre che non gli chiede nulla, invita la ragazzina che gli piace, e lo coinvolge in alcune attività gratificanti, molto diverse dai soliti noiosi esercizi di apprendimento attraverso i libri di scuola. Alice non lo riconosce più e comincia anche lei a nutrire dubbi sulle emissioni (velenose?) della piantina che Joe non smette di curare e di cui la ragazzina sembra indovinare il segreto: la sensualità.

La regista, a questo punto, ci spiazza davvero: se nella prima parte aveva creato la giusta tensione narrativa con elegante compostezza, e noi avevamo seguito con molta preoccupazione Alice travolta dalle incomprensioni dei suoi colleghi, ora ci chiediamo se quelle incomprensioni non fossero state provocate da una paranoica volontà perfezionistica proprio da lei, tirannica e autoritaria perfino col figlio, la cui autonomia non le piace affatto.
Come in Lourdes, Jessica Hausner non prende posizione, come se fossero sullo stesso piano gli interrogativi morali ed esistenziali di fronte alla malattia e alla morte e i capricci ambiziosi di una madre egoista che nega la propria presenza, confidando sulle presunte doti sostitutive di una piantina profumata.
Sconcertante banalità, che lascia davvero perplessi.